Travel

Deejay Ten 2018

Questa mattina 40.000 persone in centro a Milano. Ho rubato un paio di scatti con iPhone XS e l’app Halide.

Piazzetta del Liberty

Il nuovo Apple Store la fa da padrone. Piazzetta del Liberty a Milano è ormai un tutt’uno con il punto vendita dell’azienda di Cupertino. Architettonicamente per fortuna non è un pugno in un occhio, ma riesce ad integrarsi bene con il resto dell’arredo urbano.

La sola nota negativa è l’assenza di alcunché segnale dei gradoni centrali, immagino già qualche capitombolo scambiatoli per le scalinate principali. Il negozio al suo interno non si discosta molto dai format di tutto il resto del mondo, ma per la sua interezza la struttura mi ricorda molto il cubo di vetro di New York.

Tra le altre cose, questo è il primo scatto eseguito con il mio iPhone XS, privo di qualsiasi filtro di post produzione.

Se volete saperne di più circa la nuova camera all’interno degli iPhone XS, c’è questo ottimo post dello sviluppatore dell’app Halide. Un’alternativa professionale all’app standard fotografia. A breve uscirà un aggiornamento in grado di sfruttare appieno le potenzialità hardware dei nuovi smartphone, contrastando con la funzionalità Smart HDR che sembra ammorbidire un po’ troppo gli scatti.

Seattle in una foto

Ho in realtà scattato questa foto in Aprile. Benché sia qui questa settimana, il tempo è davvero terribile. Freddo e pioggia, ma siccome mi sono scordato di pubblicarla 6 mesi fa. Beh eccola qui.

Si tratta dello Space Needle, simbolo della città da qualche decennio oramai.

Lisbona in una foto

Dal castello di Sao Jorge il tramonto e il ponte 25 de Abril.

Ma come sempre...una non basta. Dentro il castello, fronte città, c’era questa coppia seduta ad assaporare l’aria salata. Pulita, leggera, diversissima da qualsiasi altra al mondo.

Faccia a piazza Rossio, immagino si scambiassero promesse su un futuro prossimo.

Lisbona ti rapisce ogni volta.

Napoli in una foto

Come al solito, una non sarebbe stata sufficiente.

Palermo in una foto

Al solito, una non era sufficiente. Il resto della serie "in una foto" la trovate qui.

Madrid in una foto

Una molto rappresentativa.

Ma anche altre.

Copenhagen. In una foto.

Ho scattato questa foto dal Taxi poco fa.

Capita di avere una capa danese e di passare di qui per la seconda volta. E' purtroppo la classica esperienza mordi e fuggi date le circostanze lavorative, tuttavia, come si dice, la prima impressione è quella che conta.

Entrambe le volte una cosa su tutte: l'enorme quantità di biciclette. 

Da queste parti le bici superano il numero di automobili e qualsiasi strada è coperta da pista ciclabile. E' impressionante, sono andato a guardare anche qualche statistica, purtroppo di qualche anno fa, dove viene mostrato come 2 milioni di euro l'anno vengono dedicati a piani di conversione auto->bici.

E in bici, come si vede, si fa di tutto, portare anche i figli a scuola. 

Poi, un'ultima cosa, qui le persiane non esistono, esistono solo le tende. Un po' noioso pulire i vetri, ma lasciano il sole entrare nelle loro case più che possono. Lo faccio da sempre.

Ok, ci sono già 14 gradi, ma credo che lo stereotipo "Nei Paesi nordici la qualità della vita è migliore" ha sicuramente qualche fondamento. 

Denmark
AC è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.