Social

National Identities

Nationality feels powerful, especially today. But the idea of identifying with millions of strangers just based on borders is relatively new. We explain why it was invented — and how it changed the world.

Difference between a Community and a Network

From El Pais interview to Zygmunt Bauman:

The question of identity has changed from being something you are born with to a task: you have to create your own community. But communities aren’t created, and you either have one or you don’t. What the social networks can create is a substitute. The difference between a community and a network is that you belong to a community, but a network belongs to you. You feel in control. You can add friends if you wish, you can delete them if you wish. You are in control of the important people to whom you relate.
People feel a little better as a result, because loneliness, abandonment, is the great fear in our individualist age. But it’s so easy to add or remove friends on the internet that people fail to learn the real social skills, which you need when you go to the street, when you go to your workplace, where you find lots of people who you need to enter into sensible interaction with. Pope Francis, who is a great man, gave his first interview after being elected to Eugenio Scalfari, an Italian journalist who is also a self-proclaimed atheist. It was a sign: real dialogue isn’t about talking to people who believe the same things as you. Social media don’t teach us to dialogue because it is so easy to avoid controversy…
But most people use social media not to unite, not to open their horizons wider, but on the contrary, to cut themselves a comfort zone where the only sounds they hear are the echoes of their own voice, where the only things they see are the reflections of their own face. Social media are very useful, they provide pleasure, but they are a trap.

Dal pollice alto alle Reactions

Le Facebook Reactions sembrano molto vicine all'implementazione finale. Questo articolo su Bloomberg ne svela i retroscena e le racconta dal punto di vista del suo maggior sostenitore, Chris Cox.
Ne avevo già parlato in Ottobre, i test sembrano in dirittura d'arrivo. Tenetevi pronti ad essere ancora più "drogati" di Facebook.

Facebook Reactions won’t get rid of like—it will be an extension. Within the company, there was some debate on how to add the options without making every post look crowded with things to click. The simpler Facebook is to use, the more people will use it. Zuckerberg had a solution: Just display the usual thumbs-up button under each post, but if someone on her smartphone presses down on it a little longer, the other options will reveal themselves. Cox’s team went with that and added animation to clarify their meaning, making the yellow emojis bounce and change expression. The angry one turns red, looking downward in rage, for example. Once people click their responses, the posts in News Feed show a tally of how many wows, hahas, and loves each generated.
This update may seem trivial. All it’s doing is increasing the number of clickable responses. People already comment on posts with emojis or, in some cases, actual words. But the feature will probably make Facebook even more addictive. And it will certainly give Cox’s team a lot more information to throw into the News Feed algorithm, thereby making the content more relevant to users—and, of course, to advertisers.

Reazioni classificate per Social Network

Il video qui sotto accompagna il post del CEO di Facebook.

For many years though, people have asked us to add a "dislike" button. Not every moment is a good moment, and sometimes you just want a way to express empathy. These are important moments where you need the power to share more than ever, and a Like might not be the best way to express yourself.

At a recent Townhall Q&A, I shared with our community that we've spent a lot of time thinking about the best way to give you better options for expressing yourself, while keeping the experience simple and respectful. Today we're starting to test this.

Reactions gives you new ways to express love, awe, humor and sadness. It's not a dislike button, but it does give you the power to easily express sorrow and empathy -- in addition to delight and warmth. You’ll be able to express these reactions by long pressing or hovering over the Like button.

We’re starting to test Reactions in Ireland and Spain and will learn from this before we bring the experience to everyone. We hope you like this – or can better express how you’re feeling!

Si tratta dell'imminente arrivo, per ora in test in Irlanda e Spagna, di un set di emoticon in grado di permettere una reazione immediata ai post, estendendo di fatto il concetto di "Like".

Al di là del loro utilizzo o meno, la cosa che porta poco valore, almeno dal mio punto di vista, è la classificazione delle emozioni. 

Facebook non solo ci costringe ad avere un limitato range di emozioni, ma vuole evitare che il luogo più popoloso dell'Internet diventi anche un covo d'odio e risentimento. Se ci fate caso le emozioni negative sono ridotte soltanto a due, benché sia nella natura umana provarne di svariate forme e sfumature.

Forse è come dice Marco. Questione di abitudini. Questione di trattenerci il più possibile in un luogo dove la facciata e la reazione istantanea non siano quelle negative.

Poi però basta aprire i commenti, e lì, mi spiace, non c'è soluzione che tenga.

Today we're launching a test of Reactions -- a more expressive Like button. The Like button has been a part of Facebook for a long time. Billions of Likes are made every day, and Liking things is a simple way to express yourself.For many years though, people have asked us to add a "dislike" button. Not every moment is a good moment, and sometimes you just want a way to express empathy. These are important moments where you need the power to share more than ever, and a Like might not be the best way to express yourself.At a recent Townhall Q&A, I shared with our community that we've spent a lot of time thinking about the best way to give you better options for expressing yourself, while keeping the experience simple and respectful. Today we're starting to test this.Reactions gives you new ways to express love, awe, humor and sadness. It's not a dislike button, but it does give you the power to easily express sorrow and empathy -- in addition to delight and warmth. You’ll be able to express these reactions by long pressing or hovering over the Like button. We’re starting to test Reactions in Ireland and Spain and will learn from this before we bring the experience to everyone. We hope you like this – or can better express how you’re feeling!

Posted by Mark Zuckerberg on Giovedì 8 ottobre 2015

Social Selling Index. Linkedin vs Klout?

No. E lo spiega bene Vincos nel suo post. Si tratta soprattutto della capacità di vendere se stessi, riassunti nei 4 punti da lui descritti:

1. Creare un brand personale attraverso la cura del proprio profilo, completandolo al 100%, arricchendolo di video e presentazioni Slideshare, collezionando raccomandazioni ed endorsement e infine condividere informazioni di qualità (meglio se attraverso la piattaforma di blogging)
2. Trovare le giuste persone (contatti e prospect) grazie all’uso del motore di ricerca interno (che ha una serie di filtri molto granulari) fino all’uso di strumenti a pagamento come Sales Navigator e Lead Recommendation.
Studiare i profili degli altri e tenere sott’occhio le Statistiche per entrare in contatto con chi visita il vostro profilo
3. Essere proattivi condividendo contenuti, interagendo con gli altri, sfruttando i Gruppi, usando InMail per entrare in contatto con persone interessanti
4. Costruire relazioni durature e non semplici reti di contatti, attraverso rapporti più frequenti, soprattutto con persone senior.

#Draxler. Una storia di tweet e sofferenze

È stato un weekend sofferto sportivamente parlando.
Parlo poche volte del mio tifo calcistico su queste pagine, ne verrebbe fuori una versione distorta del sottoscritto, riconoscereste soltanto istinti primordiali a me difficilmente associabili.

Ad ogni modo, per chi non lo sapesse tifo quella squadra con le strisce bianche e nere di Torino, la più amata e odiata di tutte.

In luglio e agosto succede che ogni squadra della Serie A ha la possibilità di vendere e acquistare calciatori per la stagione sportiva successiva. Quest'anno la Juventus si è privata di grandi campioni e pur avendo programmato l'acquisto di altrettanti giovani talenti con molto anticipo, gli ultimi giorni di questa finestra di calcio mercato è tradizione acquistare i nomi di calciatori altisonanti per far sognare un po' la tifoseria.

Quest'anno le attenzioni delle ultime ore sembravano (sembravano in quanto l'amministratore delegato ha smentito di aver mai avviato una trattativa) essere ricadute sul profilo di un giovane ventunenne molto promettente, un trequartista della squadra tedesca Schalke 04, tale Julian Draxler.

Non è Messi(a), ma non è nemmeno da buttare.
Beh, il weekend di passione dicevo.

Sì, perché dopo settimane di accostamento di questo giocatore alla mia squadra del cuore, la trattativa è parsa finalmente entrare nel vivo venerdì.
Ho voluto staccare la spina queste 48 ore, osservare da ospite non pagante lo sfogo di innumerevoli tifosi dal pollice svelto intenti a vomitare sentenze su quanto stava accadendo, secondo dopo secondo, grazie a un aggiornamento in tempo reale su Twitter.

Ho creato una piccolissima raccolta su Storify.

Ce ne sarebbero tanti altri, ma solo per dire come Twitter è il nuovo luogo di ritrovo catartico per sfogare il proprio psicodramma personale
Scaricatoio di tensioni grazie ad un comune senso di appartenenza alla medesima sofferenza insostenibile altrimenti da soli, soprattutto perché in vacanza e lontani da amici di routine.

E ho solo collezionato quelli che mi han fatto sorridere, ma per questa manciata ce ne sono a migliaia, rappresentativi delle più disparate personalità: il disfattista, il gufo, il troll, l'ottimista inventore di notizie, quello che per forza ci deve buttare dentro i Marò, etc.

Insomma. Il vero bar sport. Poi se sono imbecilli, questo è tutto da verificare.

P.s. Alla fine quel giocatore non è venuto alla Juventus. Vi lascio cercare da soli le successive reazioni....#Draxler

Chi ha paura dei Social Media?

Quindi, per tornare a noi: è davvero così assurdo o così da restauratori da Congresso di Vienna dire, come dice Gianluca, che ha molto più senso produrre meno contenuti che tanto non si fila nessuno e cercare di far sì che siano migliori di quelli attuali e meritevoli di essere poi promossi sui Social Media a pagamento? A me sembra solo buonsenso.

La chiusura del post scritto da Massimo non fa una piega. Purtroppo la paura del vuoto pneumatico e delle possibili reazioni al "non parlo quindi non esisto", portano alcune società a pubblicare sulle loro pagine social la qualsiasi. Con una conseguente depravazione dei contenuti a favore dell'apparire sempre on top nelle timeline dei propri utenti.
La mala interpretazione del mondo dei social media sta proprio qui. Nell'intersezione tra i contenuti di valore, i contenuti tappabuchi e i contenuti trasformati in advertising. I primi e gli ultimi possono scambiarsi di ruolo nei canali social, possono essere storytelling trasformati in native advertising e viceversa.
Questo genera confusione in chi osserva l'evoluzione dei media e il loro rapporto con i guadagni dalle attività attraverso essi scaturiti, con l'unico obiettivo di verificare se davvero ci si riesce a aumentare i profitti delle aziende con questi giocattolini pieni di troll e imbecilli.

Tutto questo ha un necessario e primordiale bisogno di essere ricondotto a una pioggia di milioni di euro e a un peccato originale di chi ha iniziato ad occuparsi di queste cose? Si. Perché spesso, soprattutto qualche anno fa, era l'unico modo di farsi sentire all'interno delle grandi società. Il solo per poter attuare una qualche tipo di azione su quei nuovi e sconosciuti canali di comunicazione. 
Il dover esserci a tutti i costi ahimè ha spesso preso il sopravvento sul pensare se ci fosse qualcosa da dire veramente e quest'ultimo ha lasciato il passo a tanti errori, al paradosso di una pagina dedicata a ciò, mettendo a nudo chi davvero aveva voglia di mettersi in gioco, oppure restare nella roccaforte. 

Massimo poi cita questo video. Ecco questo è il classico esempio di chi di questa materia ci ha capito poco o nulla. È molto semplice e populista mostrare dei numeri per far trapelare una propria verità come una verità oggettiva e inconfutabile, ma c'è sempre di più, c'è sempre altro da considerare, soprattutto quando si tratta di un'attività complessa come quella della comunicazione online.

Chi parla non si è premurato di andare a vedere COSA viene detto in quelle conversazioni, QUALI aziende le generano, ma soprattutto COME interagiscono con i loro utenti. 
Ovvio esistono un'immensa varietà di tipologie di comunicazioni, più o meno innovative, più o meno ingaggianti. Questo sta alla bravura degli strategici e degli account dell'agenzia di comunicazione di turno alla quale la tale società ha deciso di dare il budget di comunicazione per l'anno in corso.
Quello che invece viene provato sensatamente è il valore del like, prossimo allo zero, ma è un concetto vecchio quanto Facebook stesso. Se si costruiscono, ma sopratutto si vendono, strategie in cui viene proposta la crescita dei like come una metrica di cui far conto, si è sbagliato in toto il proprio partner di comunicazione. 

Settaggio degli obiettivi. Sempre. E fortunatamente non siamo più nel 2007. Non c'è più nessuno da convincere in azienda. Bisogna soltanto capire se ci sono i margini per esserci e per fare la differenza. Non per aumentare a tutti i costi i profitti (che ad ogni modo, prova a chiederlo a Dell).

Vuoi vendere?
Vuoi fare awareness?
Vuoi fare caring?

Ha mai visto cosa ci fa una qualsiasi telco sui Social Media? Nel video dà anche una definizione di cosa siano quest'ultimi, ignorando completamente tutto ciò al di fuori di Facebook e Twitter. E chi glielo racconta dei progetti di Barilla con Il Mulino Che Vorrei e il soldino che prende nuova vita, delle innumerevoli community per creare prodotti migliori insieme ai propri consumatori, così come Winner Taco immesso di nuovo sul mercato dopo un'estenuante martellamento proprio sui social?

Questo professore ha provato invece a calcolare come sono andate le vendite di Oreo dopo quella settimana? Quante di quelle persone che hanno cliccato siano delle persone che non hanno visto il Super Bowl?
Ha provato a pensare quanta visibilità hanno dato quei siti che hanno dato la notizia del tweet?
Di quanto sono incrementate le visite al sito di Oreo in quel periodo?

Poi è vero, là fuori è pieno di personaggi pronti a trasferire concetti presi da manuali sul Social Media Marketing o studiati la notte prima su quei blog monotematici pieni di consigli che sembrano non funzionare mai.
Ciò non significa i Social Media siano un fallimento in toto e nemmeno la cura a tutti i mali della comunicazione aziendale. Sono solo un altro strumento a disposizione per raggiungere un certo tipo di pubblico, se poi funzionano, e ritorno a quanto scritto prima, sta solo nel trovare le persone giuste in grado di comprenderne le dinamiche, ma sopratutto saperle applicare agli obiettivi di questa o quell'altra realtà aziendale.

È un'esperienza magnifica quando si riesce a creare quel tipo di magia, interazione e vicinanza tra un brand e persone comuni. Gli esempi ci sono, funzionano anche senza vincere premi, ed è possibile soltanto da meno di 20 anni. Creando delle dinamiche di interazione che qualsiasi altro mezzo con oltre mezzo secolo sulle spalle non è mai stato capace di creare, a voglia a bombardare la gente con le storie della famiglia tipo alle 20 su Canale 5.

Se poi vogliamo estendere la discussione alla rincorsa alle revenue a tutti i costi, credo vada rivisto profondamente come le aziende decidano di esporsi su tutti i mezzi. Mai come oggi hanno a disposizione una moltitudine di dati dei loro utenti (accesso ai punti vendita, alle owned, earned e paid media etc.) e spesso e volentieri non sanno come utilizzarli, o nella migliore delle ipotesi li usano male.

Un progetto ambizioso, alla quale nascita ho avuto il piacere di assistere, va proprio in questa direzione. Utilizzare il patrimonio di quanto le persone lasciano in mano alle aziende (esploso anche e soprattutto grazie ai Social Media), per poter permettere a quest'ultime di indirizzare messaggi mirati, precisi, singolari e ritagliate su ciascuno di noi, su ogni schermo reale o virtuale ci ritroveremo a fare un certo tipo di esperienze.
Non più di disturbo, ma in grado di avvicinarci a una marca, provare delle esperienze e magari essere parte dello sviluppo di un prodotto migliore.
Chiudo scomodando sul tema Alessandra perché ci ha fatto un post da incorniciare.

Altro che Spotify

Un paio di anni fa mi arrivo questo pacco, una scemata, ma importante a livello di loyalty. Una delle poche aziende digitali alle quali sono affezionato aveva pensato a me, tra le centinaia di migliaia di utenti, con una dedica scritta a mano. 
Poco sforzo, molto ROI.

Oggi è successo lo stesso. Forse ne ho parlato troppo, forse sono troppo entusiasta, ma Rdio ha ascolta, ha agito, con una sciocchezza, ma da farmi sentire un po' più speciale.

Grazie Internet.

image.jpg

Festival Internazionale del Giornalismo 2015 #ijf15

Sono contento. Anche se per l'ennesima volta non sono riuscito ad andare a Perugia, quest'anno l'organizzazione ha reso disponibili praticamente tutte le registrazione degli speech avvenuti durante il Festival Internazionale del Giornalismo di quest'anno.

Quindi come l'anno passato mi sono preso un po' di tempo per fare una cernita degli argomenti più vicini ai miei interessi. Ad ogni modo trovate tutto sul canale YouTube del Festival qui. 

Parto dal panel moderato da Alessio su come costruire, promuovere e proteggere il Brand

  • Carlotta Ventura (group SVP brand strategy & media Telecom Italia) apre il suo speech dicendo una cosa fondamentale: “Non siamo più nell’era del possesso, ma in quella dell’accesso”. Un passaggio significativo per poter ripensare il posizionamento dei propri Brand, soprattutto nell’era dell’istantaneo sempre e ovunque
  • Si può essere d’accordo o meno sul modello e l’esperienza di Uber, ma va riconosciuto come abbia portato l’attenzione e la conversazione su un argomento per il quale in passato si disquisiva soltanto in momento di scioperi
  • Internet non è un media. È un meta-media. Li raccoglie tutti

Lo speech di Jeff Jarvis insieme a Massimo Russo di Wired:

  • Il giornale non è la carta su cui viene stampato, ma il rapporto tra esso e i propri lettori. Un abilitatore di relazioni. È l’unica cosa che conta
  • Bisogna costruire i prodotti editoriali personalizzando i contenuti proprio per loro. E’ ora di smettere di vedere il proprio pubblico come una “massa”
  • L’abbondanza di contenuti e spazi pubblicitari hanno dichiarato la fine del vecchio modello dei mass media
  • New Relationship: i media devono fare quello che sanno fare al meglio e linkare tutto il resto. Il pubblico spesso sa più di chi crea contenuto all’interno dei giornali. La bravura di chi può raggiungere grandi pubblici come un giornalista deve comprendere questo nuovo tipo di relazione e collaborare con chi ne sa più di lui, osservare e iniziare nuove storie
  • Nuove metriche: una nuova unità di misura dovrebbe essere quanto i media sapranno portare valore nella vita delle persone, ma ancora non si sa come misurarla

Come l’anno scorso anche quest’anno c’è stato un dibattito sul ruolo della Radio, tra le prime forme di divulgazione di informazione, ancora in ottima salute dopo oltre 110 anni di vita. Sicuramente il mezzo tra i miei preferiti. Quest’anno Cruciani in coppia con Linus parlano di come sia ormai crollata la barriera tra informazione e intrattenimento in un prodotto radiofonico.

Ultimo, ma non ultimo, la master class di Sue Llewellyn su come utilizzare twitter bene. Ve lo consiglio, molti consigli pratici su come migliorarne la fruizione quotidiana. 

Ah no. Dimenticavo. Quasi due ore per "La Repubblica dei Selfie". Alcuni spunti da rubare per le mie prossime lezioni sui Social e Politica. 

AC è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.