Rdio è morto, lunga vita a Rdio

Quando, qualche mese fa, ho parlato di eredità musicale probabilmente mi aspettavo un momento come questo.

Rdio è fallito, Rdio probabilmente cesserà presto d'esistere così come lo conosciamo adesso. Per i meno avvezzi Rdio è un servizio di streaming musicale proprio come Spotify o Apple Music.

E' il mio servizio di streaming musicale e questa mattina sono abbastanza nel panico.

Sono passati 5 anni dalla mia prima sottoscrizione, da subito ho percepito Rdio come il servizio adatto a me.

Decisamente il migliore dal punto di vista di interfaccia utente, pulito, comprensibile, l'unico a dare la possibilità di accedere alle licenze di altri paesi semplicemente cambiando il CAP dell'indirizzo personale.
Il primo ad aver introdotto lo streaming seamless su più device, quindi se interrompevo su PC potevo riprendere allo stesso punto su mobile e viceversa. Il solo a dare davvero tanto spazio alla nuova musica, ai nuovi dischi in uscita.

Gli album più ascoltati negli ultimi 2 mesi.

Gli album più ascoltati negli ultimi 2 mesi.

Parlo già al passato. Rdio ha dichiarato ieri bancarotta e Pandora, un servizio di streaming U.S. ha deciso di acquistarne parte della tecnologia.
Ironia della sorte. Proprio quel Pandora che per qualche mese nel 2009 è stato disponibile anche in Italia e che mi ha introdotto al magico mondo streaming.

Restano due ordini di problemi.

Il primo, non si sa se Pandora lascerà attivo/integrerà il servizio in Italia.
Il secondo, trovare velocemente un metodo efficace per esportare tutta la collezione di album Rdio e portarlo su un altro servizio.

Si ma quale?
Spotify ha un'interfaccia pessima, non ha praticamente nessuna funzionalità per la scoperta di album appena pubblicati, sembra impossibile attivare un account solo UK dove ci sono più licenze.
Apple Music sembra la scelta più logica, ma anche qui non è possibile cambiare il proprio account con UK e non è ancora disponibile all'interno di Sonos.
Mi restano da provare Groove, Deezer e Google Music.
Proverò.

Oggi mi sento orfano, non pensavo mi sarei mai potuto affezionare così tanto ad un pezzo di tecnologia. Tuttavia, proprio quando sta per sparire mi rendo conto di quanto mi mancherà un servizio che dal mio punto di vista offriva tutto quanto mi servisse per il mio consumo musicale. E ne ha giovato, da quando ho iniziato l'utilizzo di servizi streaming non solo ho ascoltato più musica, ma ho scoperto artisti altrimenti sconosciuti, e non è un caso se l'aumento è stato esponenziale.

Il conteggio di brani da me ascoltati. Fonte: Last.fm

Il conteggio di brani da me ascoltati. Fonte: Last.fm

Mi mancherai tanto.