Cose arretrate

Shadow Warrior 2

Ho finalmente fatto ordine nella libreria digitale della mia Xbox. Scoprendo di avere decine di giochi da finire.

Tra la frenesia delle recensioni da consegnare in tempo quando ancora pubblicavamo su Fuorigio.co e la mia personale frenesia ad acquistare alcuni giochi al day-one che se no sai mai che scappano via lontano ho accumulato troppe cose giocate a metà o alcune proprio lasciate lì e nemmeno avviate.

Settimana scorsa ho terminato il secondo capitolo di Telltale dedicato a Batman: Enemy Within, che più che un gioco è un’avventura grafica dove il coinvolgimento è relegato ai quick time event sulla scia di Shenmue.

Sono passato (e ci sono ancora su) a Shadow Warrior 2.

Sono sempre stato fan del gioco originale che non so dire quante volte giocai su PC. Quando uscì il remake nel 2013 lo giocai avidamente e finii in pochi giorni. Quando poi arrivò il secondo capitolo lo giocai molto poco, nel 2016 c’erano una quantità innumerevole di titoli da “scartare” e così lo lasciai lì in disparte.

La verità è, come ho scritto anche nella mia mini recensione tweet di ieri, che Shadow Warrior 2 pur essendo un FPS molto spartano e davvero di bassa lega sotto molti aspetti (grafica e meccaniche), risulta estremamente divertente e godibile perché caratterizzato da una ignoranza difficile da trovare oggi in altre proposte simili.

Perciò ho deciso che mi prenderò il tempo che serve, ma voglio giocarmi tutti quei titoli che sono lì a prendere polvere perché possono esserci gemme nascoste e quello che uscirà da qui nei prossimi anni lo sceglierò molto attentamente. Il tempo a disposizione è oramai poco, quindi quando sono pad alla mano dovrà essere un momento di qualità.

Nel frattempo ti consiglio il greatest hits degli Spoon per passare bene la giornata.