E Stadia Fu

Finalmente alle porte dell’E3 2019, Google risponde a parecchie domande sortemi dopo l’annuncio di Stadia dello scorso 20 marzo.

  • Il costo del servizio è variabile e alquanto confuso sui contenuti offerti. Il che lascia spazio a molte altre domande. Al momento i tagli sono due Stadia Pro a un prezzo mensile di 9,99 € il quale sembra dare accesso a una serie di giochi gratuiti sullo stile di Game Pass di Xbox. Stadia Base invece permette di accedere gratuitamente alla piattaforma, ma è necessario acquistare singolarmente i giochi.

    La domanda spontanea è: nel primo tier si ha accesso a tutta la libreria o solo a una selezione di giochi e poi sarà comunque necessario acquistare titoli AAA?

  • Specifiche di connessione. L’infografica di seguito è molto esplicita. E per gran parte dell’Italia sarà un bel bagno di sangue.

IMG_0117.jpeg
  • Al momento è presente sul sito ufficiale un’offerta di lancio chiamata Founder’s edition che include un controller, una chiavetta Chromecast Ultra, 3 mesi di abbonamento Stadia Pro, tutta l’esperienza Destiny 2 espansioni incluse e la possibilità di riservare il proprio nickname in anteprima (sai che scoperta) a 129 €.

Nonostante i primi titoli interessanti e la promessa di rivoluzionare il mercato eliminando completamente l’hardware d’accesso, al momento Google non convince su tanti aspetti. A partire da come sarà l’interfaccia e se ci sarà un profilo legato a dinamiche di pointification, passando per la poca chiarezza su quali dispositivi mobili funzionerà per davvero, arrivando a una libreria al momento davvero troppo scadente per far paura agli altri tre colossi.

Attendiamo i prossimi Connect. Nel frattempo da impallinato di gaming non potevo non pre-ordinare la Founder’s edition per testarla questo autunno in Novembre.