Love, Death & Robots

Il futuro distopico dei tanti prodotti Netflix degli ultimi anni finisce per essere qualcosa di già visto in Love, Death & Robots. La serie animata Netflix, tanto caruccia e ben confezionata, ma dal sapore della pietanza già assaggiata da qualche altra parte ma non ti ricordi bene dove, fino a ricordarti che era quello che hai mangiato una settimana prima a casa dei tuoi.

Bellissimo esercizio di stile e sicuramente da guardare. Mi faccio aiutare dalle parole di Lorenzo:

Narrativamente, tutto in Love, Death & Robots sa di già visto e offre quasi sempre un risultato prevedibile e telefonato. Questo non vuol dire che non ci si possa divertire e affascinare con un paio di queste pillole, Tre Robot e Zyma Blue su tutte, ma per il resto è la sagra del già visto, del contenuto che ti ricorda un videogioco, un film o un fumetto che ti sei già trovato davanti e che quindi non ha molto da dire. In certi momenti sembra di assistere a una sagra di idee per una possibile serie tv proposte a raffica da un autore un po’ ansioso che sembra volerci convincere a tutti i costi della sua vulcanica creatività (e in fondo non è detto che non finisca proprio così).