Il rock non muore mai. Feral Roots

I Rival Sons sono tornati venerdì scorso con un album bello bello. Appena in tempo per essere recensiti da quelli di Come Un Killer Sotto Il Sole.

Godetevelo in santa pace. 🤘🏻

Se Feral Roots fosse, infatti, un bollettino medico o l’esito del check up di un moribondo dato per spacciato, molti si sorprenderebbero a scoprire che il rock gode, non di buona, ma di ottima salute. Basta mettere sul piatto il disco e farsi asfaltare dalla sequenza dei primi tre brani: la ferocia anthemica di Do Your Worst, il tambureggiare spasmodico di Sugar On The Bone e lo schianto metallico di Back In The Woods, selvaggia e arrembante come una carica di cavalleria, sono i classici tre indizi che forniscono una prova grossa come una casa.

Un inizio potente, rumoroso, martellante, roba che se non si sta attenti al volume delle casse si rischiano denunce penali dai vicini di casa. Il rock sta benissimo, allora, e proprio grazie a band come i Rival Sons, che continuano a fare del loro meglio affinché il sacro fuoco non si spenga mai. Giunti al sesto album in studio, dopo oltre dieci anni di attività, la band di Long Beach è ormai una macchina da guerra collaudatissima, con un proprio suono e una propria identità, tanto che pigri paragoni con grandi band del passato, Led Zeppelin su tutte, sono ormai solo meri esercizi di stile giornalistico che non hanno (quasi) più ragione d’essere.

In cabina di regia torna nuovamente Dave “Re Mida” Cobb, che anche fuori dagli steccati dell’americana, si trova meravigliosamente a suo agio. Nello specifico, mette lo zampino anche in alcune delle composizioni, e soprattutto, forgia un suono dal tiro pazzesco, secco, pulito e letale come un colpo di mazza ferrata sullo zigomo. Il resto ce lo mettono questi quattro ragazzi, che non solo non hanno perso un briciolo dell’entusiasmo degli esordi, ma sono anche cresciuti notevolmente a livello di songwriting.

MusicAndrea Contino