Cosa ci fa Starbucks a Milano?

Lo spiega bene Luca Carbonelli, imprenditore nell'industria del caffè. Dentro non ci trovate i beveroni americani, né le ciambelle al cioccolato. Non trovate il classico bar all'italiana, ma ben altro.

Un'esperienza. Termine che penso sia keyword per il retail degli anni a venire. 

Starbucks a Milano non è una semplice caffetteria Startbucks come quelle che abbiamo conosciuto viaggiando per il mondo, una di quelle in cui abbiamo imparato ad apprezzare i suoi prodotti di punta come il frappuccino o i muffin; Starbucks, a Milano, nella nostra Milano, ha aperto la prima roastery d’Europa targata USA. E per il mercato del caffè italiano è una benedizione.
Si tratta di una torrefazione, una fabbrica, uno stabilimento, una azienda vera e propria di produzione di caffè. Vi consiglio di cercare su google la differenza tra torrefazione e caffetteria.
Dal sito Starbucks di Milano partirà la distribuzione del caffè prodotto in loco e che sarà venduto e consumato nei vari punti Starbucks di tutta Europa.
La produzione
Nella sala principale di Starbucks di Piazza Corbusio è installata una tostatrice Scolari FIMT 60, con cui ogni ora è possibile tostare fino a 180 kg di caffè. Dagli articoli di giornale apparsi online in questi giorni viene comunicato che l’ orario di apertura del locale al pubblico sarà dalle 06.00 alle 23.00, ma che la tostatrice sarà attiva h24. Questo vuol dire che la torrefazione ha una capacità produttiva giornaliera di circa 4320 kg di caffè verde, che si tramuterà in circa 3450 kg di caffè tostato in grani, dei quali solo una piccola parte saranno trasformati e consumati coi vari sistemi di erogazione della bevanda all’interno del locale; la stragrande maggioranza saranno confezionati per esser spediti.

Update: Se avete voglia, Luca ha fatto un secondo articolo con un po' di approfondimenti.

Starbucks Milano
AC è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.