Condividere et impera

Prendo in prestito un modo dire vecchio di qualche migliaio d’anni, riveduto e corretto, anche da Rudy Bandiera.

Un concetto, o forse meglio dire uno stile di vita lavorativa, che ho assimilato e fatto mio nel corso della mia seppur breve carriera è quello di comprendere appieno il potere dell’informazione. Farlo mio. Ma soprattutto condividere quest’ultima nel modo più saggio e consapevole possibile.

E mai come di questi tempi l’informazione ha assunto un valore ancora più cruciale rispetto alla conoscenza. Oggi giorno chi detiene l’informazione ha in mano da gestire un grande potere. Che come il nostro amichevole Spider-Man di quartiere ricorda, da esso derivano grandi responsabilità.

Il team work, i processi, i flussi di lavoro, la costruzione delle strade utili a raggiungere degli obiettivi comuni, sono ingranaggi che si mantengono oliati solo se l’informazione è condivisa, un po’ come la felicità per Christopher McCandless

Chi agisce diversamente o lo fa in modo subdolo per sabotare, per invidia o per far bella figura, oppure, più semplicemente, non si rende conto di essere nell’atto di maneggiare quanto di più prezioso abbia a disposizione in un ambiente lavorativo.

Stolti coloro i quali non la sanno riconoscere.

AC è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.