Il primo gusto del cono gelato 🍦

Ho fatto un breve sondaggio. Giusto per essere certo di non essere matto, o di non aver vissuto in una dimensione parallela da quando ho memoria di aver consumato un cono gelato per la prima volta. 

A me succede ogni maledetta volta questa cosa.

Per me il gelato artigianale equivale al cono, la coppetta non è un'opzione. Mai. Quindi dopo aver chiesto una cialda croccante mi accingo a dare una rapida occhiata ai gusti disponibili. E di solito ne scelgo 2. Un gusto crema e un gusto frutta. 

Ad esempio, cioccolato fondente e fragola. Oppure panera e mango. Insomma, ci siamo capiti. Il punto è, il gusto preferito è quello che poi deve fare da base, quello che deve entrare dentro alla punta del cono e sciogliersi fino alla punta. Se no che gusto c'è?

I grandi misteri irrisolti della vita. 

Il gelataio inizia sempre dal secondo gusto, quello frutta. Anche se indichi prima il gusto crema, lui indugia fintanto che non hai pronunciato il secondo e solo allora inizia da quest'ultimo, rovinando completamente l'esperienza.

Perché? Perché gli costa di più? Perché è stronzo? Perché succede solo a me?

Va beh, è stata una settimana all'insegna del cibo, mi sembrava giusto iniziarne una nuova riproponendo dilemmi fondamentali per l'esistenza umana.

Ditemi che non sono il solo...🍦

AC è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.