Odissea iPhone XS

Nonostante fossi dotato di un iPhone 8 aziendale, ho voluto cedere alla mia passione per la tecnologia e testare tutte le migliorie e i cambiamenti del nuovo iPhone XS. Interesse accentuato dalle nuove camere posteriori, di eccellente qualità e nonostante non sia un fotografo professionista, mi hanno già permesso di portarmi a casa qualche scatto decente.

Tuttavia sin dal primo giorno in cui ho ritirato il telefono ho riscontrato in fase di telefonata delle vibrazioni costanti alla cassa frontale, quella dove si poggia l’orecchio per capirci. Vibrazioni fisiche, sembrava che il vetro sotto il mio orecchio vibrasse ad ogni parola pronunciata dal mio interlocutore.

Forte della mia garanzia e dell’impareggiabile esperienza degli store Apple decido di prenotare un appuntamento al Genius Bar (trovare un posto libero nell’immediato è complicatissimo, assomiglia al sistema sanitario italiano).

Test hardware fallito. Le casse segnano rosso sull’iPad del commesso. Primo telefono sostituito. Prima di uscire mi dice:

Non preoccuparti, può capitare che un lotto sia fallato, succede anche a quelli che ci danno per fare le sostituzioni.

Al che penso: perfetto. Vedrai che anche questo avrà problemi. Ma felice del cambio inizio ad utilizzare il telefono come nulla fosse. Passano un paio di giorni e di nuovo iniziano i problemi.

Prenoto un nuovo appuntamento. Questa volta il test hardware dà risultati negativi. L’iPhone non ha nulla sembrerebbe, ma chiedo gentilmente di far una telefonata di prova. Anche la commessa si accorge del problema, mi dà ragione e mi sostituisce il telefono. E due.

Il terzo iPhone XS sembra integro, le chiamate sono perfette e non presenta problemi. Dopo circa due settimane però, sempre l’autoparlante frontale smette di funzionare mentre riproduco musica, guardo un video o ascolto un podcast. Funziona quella in basso, ma in alto niente da fare, perdendo così l’effetto stereo. Mi reco di nuovo al Genius Bar. Il telefono passa tranquillamente il test hardware, mi dicono che potrebbe essere un problema del mio backup, di ripristinare il telefono e trattarlo come se fosse nuovo. Riscaricando così da capo tutte le app e risincronizzando tutti gli account. Poco male. La cassa sembra effettivamente ritornare in vita. Ma solo per un paio di giorni.

Frustrato prenoto una nuova “visita”. E proprio ieri mi sostituiscono nuovamente il telefono. E tre. Questa volta però l’appuntamento si è protratto per oltre un’ora. La gentile commessa è sparita sul retro per oltre 15 minuti per confrontarsi con gli sviluppatori Apple e capire se fosse un problema software o meno. Non lo è. Pertanto è stata autorizzata a cambiarmelo nuovamente.

Ora, è indubbio che io sia stato particolarmente sfortunato con una partita difettosa e irritato perché Apple abbia messo in commercio un telefono così delicato. Tuttavia l’esperienza utente e consumatore è stata impeccabile. Telefoni sostituiti immediatamente e con tutte le scuse e le cure del caso. Ripristino del contenuto dei telefoni in maniera agevole e senza mai intoppi.

Dopo queste settimane travagliate ho voluto approfondire un po’ le cose. Capire se fossi stato l’unico ad avere problemi di questo tipo. Dopo una ricerca senza risultati in Italia, ho trovato più di una casistica su Reddit e anche su siti specializzati.

Insomma. Sembra esserci un problema che Apple non ha ancora ufficialmente riconosciuto, ma mi auguro che se le casistiche dovessero aumentare provvedano in qualche modo invece di continuare a sostituire device.

AC è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.