Post panettone

Le festività natalizie sono ormai cosa passata. E per me da un pezzo, il 2 gennaio le mie dita volavano già sulla tastiera. 

Come ogni inizio anno, o almeno è sempre coinciso come periodo, ho voluto dare una rinfrescata al design del blog. Mi ero un po' stufato del precedente layout e volevo capire cosa offrisse ad oggi Squarespace.

Ho purtroppo constatato due cose:

  • I vecchi template, ormai vetusti di 5 anni, sono deprecati. Ovvero Squarespace non li supporta più a livello di sviluppo e funzionalità
  • I nuovi template disponibili sono dedicati soprattutto a "Self-Made Man", professionisti o piccole realtà commerciali

Ed è un peccato. Perché Squarespace nasce dall'esigenza di avere un CMS diverso da tutti gli altri, con già nel 2010 un'idea futuristica di editor fatto a blocchi (cosa che Wordpress sta implementando solo ora) e in mente un software as a service dedicato principalmente ai creatori di contenuto. 

Ho pensato per una settimana di spostare tutto su WordPress. Cosa che in realtà ho fatto, ma è durato poco.

Senza nessuna conoscenza di CSS ho passato più o meno 5 notti insonni a cercare di comprendere più a fondo come funzionasse, come si potesse giocare con esso e quali potessero essere i risultati rispetto a ciò che avevo in mente: una landing page minimale, leggibile, con tutte le funzionalità a portata di mano. 

WordPress ha dalla sua parte il fatto di essere open-source. Di essere modificato e ampliato nelle sue funzionalità grazie ai plug-in. Quindi installandone un paio si possono integrare le funzionalità open-graph di Facebook o le card di Twitter. Così come migliorare di tanto le funzionalità SEO. 

Tuttavia Squarespace e Wordpress non si parlano molto. Esportare e importare risulta essere un inferno: 

  • Le URL risultano essere tutte sbagliate nel loro Permalink. E pur dopo aver installato diversi plug-in adatti allo scopo, il risultato era sempre uno solo: modificare a mano 1610 permalink
  • Nell'importazione WordPress non importa le immagini, ma solo dei link ad esse. Ciò vuol dire che se mai avessi cancellato questo sito, le immagini sarebbero svanite nel nulla dalla nuova landing. Di nuovo: importare a mano oltre 1000 foto

Cosa che mi ha scoraggiato non poco. Senza contare che in ogni caso, con un passaggio a qualsiasi altra piattaforma dovrei iniziare a pagare

Allora ho iniziato ad installare praticamente tutti i template di Squarespace, nella speranza di trovarne uno da cui partire senza dover far troppo lavoro aggiuntivo. E dopo qualche giorno di imprecazioni e occhi pieni di capillari rotti, finalmente ho trovato ciò che stavo cercando. Come detto, senza nessuna nozione basilare di CSS, ma con qualche supporto video e del forum di Squarespace, sono riuscito a realizzare ciò che potete vedere ora. 

Oltre ad essermi portato a casa qualche nozione in più su CSS e aver imparato come interagisce con ciò che viene visualizzato, ho evitato forse un lavoro che sarebbe durato parecchi mesi. Ok, forse rinunciando a qualche funzionalità in più come avere delle anteprime decenti sui social, o qualche lettore in più grazie ai plug-in SEO, ma sono contento così.

Fatemi sapere che ne pensate, ma soprattutto se visualizzate tutto correttamente.

AC è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.