Instachange

Ormai non è più notizia il cambio di veste di Instagram che ha svelato ieri nuovi loghi per le applicazioni ad essa collegate e un re-design della piattaforma mobile all'insegna del minimalismo e della pulizia. 

Le nuove icone app di Instagram, Layout, Boomerang, e Hyperlapse

Le nuove icone app di Instagram, Layout, Boomerang, e Hyperlapse

Come è già accaduto in passato, il fuoco dei detrattori si è acceso in men che non si dica, concentrandosi sul cambiamento principale, il logo dell'app Instagram. La scelta di quei colori vividi e accesi ha scatenato reazioni negative e frustrazione di tanti utenti su twitter, così come in generale sui siti di tecnologia, con una comprensibile isteria dettata dall'umana natura di essere restia al cambiamento.

Nel corso degli ultimi mesi, del resto, non c'è stata una sola volta in cui un cambiamento grafico e di design sia stato in grado di mettere tutti d'accordo. Ricordate TIM? Enel, Uber e adesso Instagram. Tuttavia, come si dice "Haters gonna hate" (e qui c'è un bel pezzo da leggere sull'argomento) con buona pace di tutti.

L'unico spunto originale e da pensiero laterale l'ho trovato nell'articolo di The Atlantic bravi ad osservare l'abbandono dello scheumorfismo, stilisticamente richiamante qualcosa di antico come una macchina fotografica vintage, per lasciare spazio ad un'icona talmente minimalista da poter essere associata al significato che si ritiene maggiormente opportuno

The new Instagram logo is two circles in a square, one of the most basic iconographic representations of a camera-like object that I can fathom. Two circles and a square represent a lens, a light source, and a web connection—except even the web connection is implicit. Once, Instagram attracted users by constantly citing precedent, by reminding users of their predecessors, by dunking every feature in a warm bowl of chunky nostalgia. Now, Instagram’s just some lines on a screen. You know what to do with it.  

Personalmente trovo azzeccata questo tipo di interpretazione e lo sforzo di senso fatto da Instagram, tuttavia la scelta di questo gradiente per il logo dell'app è come un pugno nell'occhio con uno sforzo davvero basilare rispetto a tutta la serie di valori condivisi per arrivare a quel tipo di scelta: 

Since these early “flattening” explorations lacked the visual weight of the original, we turned our focus to figuring out exactly what people loved about the classic icon and how we could carry that over. Anecdotally, we knew that people loved the rainbow and the camera lens was a key visual element. As a part of our process, we also asked people at the company to draw the Instagram icon from memory in 5 seconds. Almost all of them drew the rainbow, lens, and viewfinder.

Questo quote arriva dal post fato dall'head of design di Instagram su Medium. L'ho trovata un po' troppo sempliciotta come giustificazione primigenia per iniziare a lavorare ad un cambiamento di questo tipo, una nuova identity per un app utilizzata da milioni di persone. 

Avrei trovato sinceramente molto più in linea sfruttare quella a sfondo bianco, utilizzata invece per i canali social di Instagram. The Next Web ha lanciato un sondaggio su Twitter, 2700 e passa persone sono un campione statisticamente rilevante, le reazioni come detto all'inizio, non sono delle migliori.
Ma come dice Brian Solis, proprio parlando di come AirBnB e molti altri brand abbiano scopiazzato i propri di loghi, la forza di questi cambiamenti risiede nel far percepire tutto ciò che un simbolo si porta dietro, e direi che Instagram nonostante tutto ha la forza per sorreggerlo e continuare a dimostrarlo, è sufficiente dare un'occhiata a quanto la community ha realizzato proprio per l'occasione con la campagna: #myinstagramlogo