Spritz St Germain

Ai primi caldi Milano cambia pelle. Ai primi caldi ci si ritrova in qualsiasi locale in grado di offrire cocktail decenti ed un buffet sufficientemente accettabile per evitare di passare la serata senza morire di fame e/o a caccia di un kebabbaro aperto. 

Il must è essere all'aperto

Personalmente non sono tipo da cocktail, preferisco una buona birra bianca artigianale (a proposito consiglio la SU DE DOSS de Il Birrificio di Lambrate anche se è quasi impossibile trovarla), ma in mancanza di quest'ultima è inevitabile discendere nell'inferno delle interminabili liste dei menu dei bar.

A questo si aggiunge il doveroso calcolo della variante di serata, se si guida, se non si guida, in quanto tempo si riesce a smaltire il contenuto liquido ingerito e tante altre belle paturnie per evitare di svenire per coma etilico dopo due bicchieri, oppure di berne 20 prima di sentire qualche giramento di testa.

Ad ogni modo, da come si evince l'indecisione è grande in me e spesso mi ritrovo a dire "Due!" subito dopo qualche amico che sapeva già cosa prendere ancora prima di organizzare la serata. 

Un paio di settimane seduto allo UGO di via Corsico mi sono ritrovato a fare lo stesso (provate a dare un'occhiata alla lista e ditemi se non sareste stati in difficoltà anche voi..), scopro così l'esistenza di una variante molto interessante allo spritz (occhio che quello originale veneto non ha l'aperol, c'è tutta una storia dietro), lo Spritz St Germain (benché soltanto ieri sera ho scoperto realmente il suo nome cercando di farmi capire in un altro bar😁). 

Ho cercato online la ricetta e cosa contenesse, ognuno ha la sua versione, ma quella che probabilmente si avvicina di più a quella assaggiata è la seguente:

5/10 prosecco
2/10 di St Germain - Che è un liquore francese ai fiori di sanbuco con una storia molto artigianale alle spalle.
3/10 di seltz o soda
Ghiaccio

C'è chi inserisce anche lime o foglie di menta, ma preferisco di gran lunga questa alternativa "liscia". Il risultato è più o meno il seguente, ovviamente con gli ingredienti sopra elencati.

Bon, per me è il cocktail pre-cena preferito del momento. È leggero al punto giusto, dolciastro all'inizio, ma secco una volta andato giù. Sufficientemente leggero per proseguire con cose più toste e corpose, ma sempre un ottimo inizio. 

Finalmente saprò anche io cosa ordinare la prossima volta, ma soprattutto non finirò col solito, violentissimo, invisibile alla fragola.