Daredevil. Seconda stagione

Per qualche strana ragione, l'anno passato non ho parlato di Daredevil e del suo debutto come serie televisiva su Netflix, nonostante la reputi la migliore del 2015 assieme a Mr. Robot

Ad ogni modo, dall'altro ieri sono disponibili i nuovissimi episodi della seconda stagione, sempre su Netflix. 

Tralascio trama, personaggi, spunti di riflessione caratterizzanti della serie. Provo invece a spiegarvi perché merita di essere vista. Ho bruciato 4 episodi in mezza giornata.

Secondo me sono sufficienti questi due video. Il primo è tratto dal secondo episodio della prima stagione. Un piano sequenza davvero interessante, con pochi effetti speciali, ma molta realtà: 

Mentre di seguito, una scena molto simile, ma forse ancora più spettacolare tratta dal terzo episodio della seconda stagione questa volta. Un altro apparente piano sequenza, ben nascosto dai passaggi neri su cui si sofferma la camera utilizzati come tagli, ma esplicativi di come sia stata girata tutta d'un fiato, con in più la difficoltà della discesa dalle scale.

Si nota già una certa evoluzione del personaggio, con il suo nuovo costume e la sua costante volontà di NON uccidere, ma di lasciar il compito alla polizia di assicurare i criminali alla giustizia.

5 minuti intensi, liberi da fronzoli hollywoodiani, pura action:

Dovrebbe bastare questo a farvela apprezzare. Il web è pieno di recensioni e di approfondimenti sulla serie, ne rimarrete entusiasti anche senza leggere nulla online.

Non vi basta? Nella prima stagione il cattivo, chiamato Kingpin, è interpretato con un'eccellente presenza scenica da Vincent D'Onofrio (si, proprio palla di lardo in Full Metal Jacket) che potete assaporare qui: 

È ben girata, profonda, con una storia molto più "umana" che legata a seguire lo sviluppo di super poteri. Da questo punto di vista Daredevil assomiglia molto più a Batman che a qualsiasi altro super eroe della Marvel.

Da non perdere sicuramente la prima stagione. Per la seconda, si sta facendo terribilmente sentire l'assenza di un villain, e la semplice presenza di uno o più anti-eroi come The Punisher o Elektra, non basta a colmare il gap con l'anno passato.

Mi è sembrata fin'ora una stagione sospesa, tra luci e ombre del passato di Matt aka Daredevil che ritorna e sconvolge un po' le sue vicende presenti. Sono perciò d'accordo con la chiusura dell'articolo di Vox, sebbene la reputi ancora una serie d'altissimo livello:

And that's the biggest flaw of Daredevil's second season: Matt Murdock doesn't have a villain or an adversary to stand up to him. Punisher and Elektra have some dazzling moments, and both actors do what they can with the material they're given — but there just isn't enough for them to do. And it's so excruciatingly clear, when D'Onofrio's Wilson Fisk makes his splash in the belly of this season, that it misses D'Onofrio dearly.
Essentially, what's bad for Matt Murdock is good for the show. And hopefully, assuming the show gets renewed for a third season, things will get a little worse for him.