Metti un McAfee, una Apple e l'FBI

Sulla questione Apple vs FBI ne è pieno il web da qualche giorno. Bicycle Mind ne ha fatto un bel riassunto qui se volete approfondire ulteriormente.

McAfee, John McAfee, si proprio lui quello dell'antivirus (che tra l'altro sta correndo per la presidenza degli Stati Uniti) ha scritto un editoriale su Business Insider  piuttosto interessante, dando qualche spunto di riflessione, da uno che quel mercato l'ha vissuto da molto vicino.

L'FBI sembra trattare l'argomento con gli occhi della politica piuttosto che quelli deontologici e tecnici, di chi agisce tramite il potere conferitogli, ma in realtà comprende poco gli effetti a cascata di quello che sta facendo.

And why do the best hackers on the planet not work for the FBI? Because the FBI will not hire anyone with a 24-inch purple mohawk, 10-gauge ear piercings, and a tattooed face who demands to smoke weed while working and won't work for less than a half-million dollars a year. But you bet your ass that the Chinese and Russians are hiring similar people with similar demands and have been for many years. It's why we are decades behind in the cyber race.
Cyberscience is not just something you can learn. It is an innate talent. The Juilliard school of music cannot create a Mozart. A Mozart or a Bach, much like our modern hacking community, is genetically created. A room full of Stanford computer science graduates cannot compete with a true hacker without even a high-school education.