Se non si vede, non vuol dire che non esista

Dopo aver visto questo video, condivido da qualche amico su Facebook quest'oggi, la mia mente ha fatto una rapida associazione.

Ricordo, subito dopo gli attentati di Parigi, che moltissimi contatti cambiarono la propria foto profilo in memoria delle vittime parigine. Mi scagliai apertamente contro questa politica, forse non riuscendo nell'intento di far capire il mio punto di vista.

Sta di fatto che oggi nessuno cambia la propria immagine profilo per la Siria, per gli abitanti di Aleppo. Peggio, chi dovrebbe darci notizie sembra relegarle in coda alle proprie pagine web. Uno scempio. Ma le stragi umanitarie restano tali anche in un continente diverso e a migliaia di chilometri da noi.

Spero lo stiate giร  facendo in tanti. Dare una mano si puรฒ, forse non per cambiare o fermare una guerra, ma nell'immediato aiutare. Qui e qui alcune associazioni che stanno giร  facendo molto e che potrebbero aver bisogno di molto aiuto.