#TEDxMilano 2016

Ci sono giornate in cui mi piacerebbe poter dividermi ed essere in più luoghi contemporaneamente e incontrare, parlare, ma soprattutto ascoltare. Una cosa, quest'ultima, che amo particolarmente.

Tant'è non è possibile. E se nei piani avessi quello di andare al Revolution Camp ieri pomeriggio, e mi mordo le mani per non avercela fatta, in mattinata sono però passato da TEDxMilano, gentilmente invitato da iCorporate. 

Quando mi sono alzato dopo circa 2h e mezza, avevo solo un'idea fissa in testa: ma perché non ci sono eventi simili ogni weekend?

Non ho mai partecipato a una conferenza TED o TEDx in passato, ma l'incessante visione dell'infinita collezione dei loro video, mi ha reso piuttosto pratico sul cosa aspettarmi una volta avessi partecipato fisicamente.

Mancava un pezzo fondamentale. Il contenuto. Ho credo scoperto più cose sull'Italia che innova in queste 3 ore scarse piuttosto che durante una settimana passata a sfogliare il mio feed reader

Sapevate che c'è un italiano che sta cercando di rivoluzionare il mondo della plastica? O un altro impegnato a nobilitare un elemento biologico che proprio nobile non è? Ci credete sia possibile trasformare qualsiasi oggetto in strumento musicale? Oppure quanto siano importanti le api per la nostra alimentazione?

Mi è spiaciuto non esser rimasto anche il pomeriggio, ma mi auguro di esserci la prossima edizione. Provate a dare un'occhiata ai TEDx sparsi per l'Italia, magari ce n'è uno accanto a voi e nemmeno lo sapete.

Un'esperienza meritevole.