Come caricare la lavastoviglie? 🍽

Dopo tre anni di lavastoviglie ormai sono un maestro nel non sprecare mai un singolo spazio utile al caricamento di qualche stoviglia. 

Abito da solo, mangio in casa solo di sera in settimana e 4 pasti nei weekend. Questa descritta è una settimana atipica per me, nel senso che capita il più delle volte di non essere a casa per tutta settimana, oppure per tutti i pasti del weekend, quindi una carica a settimana è più che sufficiente per il sottoscritto.

Risciacquo, ma non lavo prima di mettere tutto nel cestello. L'articolo del numero 1135 di Internazionale ci dice di più, e sembrerebbe abbia sempre fatto giusto 😎:

Anche se la maggior parte dei cestelli delle lavastoviglie è di forma rettangolare, i ricercatori hanno scoperto che sistemare i piatti in cerchio intorno al centro facilita il lusso dell’acqua e dà risultati migliori. La velocità dell’acqua è inferiore ai lati e in basso, per cui queste zone sono le più adatte per i piatti sporchi di proteine, come i tuorli d’uovo. Circolando più lentamente, l’acqua permette alle proteine di idratarsi e gonfiarsi, facilitando l’operazione di rimozione. I piatti sporchi di carboidrati dovrebbero essere sistemati vicino agli ugelli, dove la forza meccanica dell’acqua spazza via la sporcizia. Il getto è più forte al centro del cestello superiore, proprio sopra il braccio aspersore rotante. Ovviamente, se la lavastoviglie è troppo piena e l’acqua non circola bene, niente di tutto questo conta.

Dal #1135 di Internazionale

Ma quanto è troppo? Bisognerebbe riempirla il più possibile senza però impilare le stoviglie, perché così si impedisce all’acqua di raggiungere tutte le superfici sporche, spiega Rainer Stamminger, la cui équipe dell’università di Bonn studia le abitudini di lavaggio dei piatti nel mondo intero. 
Quanto all’annosa questione se sia meglio lavarli a mano o in lavastoviglie, il gruppo di Stamminger ha scoperto che gli apparecchi usano meno acqua, meno energia e meno tempo. Ma visto che per comprarli bisogna scucire un bel po’ di soldi e che la ricerca è stata finanziata dalla Bosch, forse alcuni risultati vanno presi cum grano salis, possibilmente per lavastoviglie. Inoltre non tutti gli elettrodomestici hanno la stessa efficienza: i più vecchi, per esempio, usano più acqua ed energia. Tuttavia, da un rubinetto aperto escono in media undici litri d’acqua al minuto e alcuni apparecchi ne usano meno per ogni carico. I calcoli non includono l’acqua necessaria per produrre la lavastoviglie. E si potrebbe anche obiettare che alcune tecniche di lavaggio a mano sono più efficienti di altre.
[...]
Per concludere, la questione più discussa: sciacquare prima o no?
“Non lavate i piatti prima di metterli in lavastoviglie”, consiglia Stamminger. I detersivi sono progettati per legarsi ai residui di cibo, se non trovano niente con cui reagire possono depositarsi su altre stoviglie, come indica l’effetto appannato sui bicchieri. “Basta rimuovere il grosso, caricare e lasciare che la lavastoviglie faccia il resto”, dice Alex Lucas della Bosch. E ora non resta che litigare su chi deve mettere a posto i piatti.