Ello World

Dunque c'è questo sito...ehm...Social Network...ehm...social qualcosa che in questi giorni impazza sui siti di noi nerdoni e geek.

Si chiama Ello, si autoproclama paladino della libertà, attraverso un Manifesto, e vuole rompere le uova nel paniere a quello più famoso. Si quello lì, quello tutto indaco o blu (dipende da come lo vedete), con oltre un miliardo di utenti nel mondo.

Il Manifesto di Ello

Il Manifesto di Ello

Ello mondo quindi, ma di cosa si tratta?

Per ora tutto basilare. Avete il vostro profilo, personalizzazione foto, bannerone profilo, si possono aggiungere amici e taggarli come "Friends" o "Noise". Nella pagina principale invece vediamo gli aggiornamenti delle persone che seguiamo, un po' à la Twitter.

Le iscrizioni, perlomeno negli Stati Uniti, si attestano sui 31.000 all'ora. Le ragioni sono tante, niente advertising, niente richieste continue per giocare a qualcosa, poco affollamento, ma soprattutto la possibilità di iscriversi con anche un nickname, cosa proibita dal rinomato competitor.

Dicevo non ci troverete pubblicità, ma questi cristi in qualche modo dovranno pur monetizzare la faccenda. E infatti pare ci saranno presto feature a pagamento per utenti premium. Senza tralasciare il mezzo milione di dollari già intascato da venture capitalist.

Cosa ci troverai?

Poco o nulla, se non i soliti 50 italiani "early adopter" che proprio non ce la fanno a non dare un'occhiata all'ultima cag...ehm...novità dell'Internet.

E meno male perché i soliti noti che almeno non si arrischiano a scrivere titoloni del tipo "Ello surclasserà tutti". Menomale Piero si è già espresso in merito ieri in modo splendido.

Mi trovate qui, non so ancora per quanto. Diciamo che ti prove simili ne sono già state fatte (vedi Diaspora, App.net etc), ma vincono ancora quei due. Almeno per il momento :)

Ah si, se avete bisogno di un invito chiedete pure, non fate come questi pazzi che ci spendono pure dei soldi...

ps. Piero vi dice più o meno tutto il resto.