#WhyIBlog intervista a Gianluca Diegoli

Ho il piacere di iniziare questa nuova settimana, non solo con un nuovo indirizzo per il blog come scritto nel post di sabato, ma anche ripartire con le interviste di #WhyIBlog.

Il primo ospite è Gianluca Diegoli aka minimarketing e anche a lui ho posto le 5 fatidiche domande.

Presentazioni. Nome, Professione, URL e piattaforma utilizzata

Gianluca "gluca" Diegoli, ex marketing manager, ora consulente ecommerce e digital, www.minimarketing.it, Wordpress hosted, prima Blogger (ma sempre col mio dominio) 😊

Perché hai un blog?

Gianluca Diegoli

Ho un blog perché nel 2004, dopo aver scritto su altri blog alcuni post, e avere aperto un blog interno all'azienda, ho deciso che dovevo assolutamente esprimermi (come tutti, credendo di meritare un palcoscenico! :). Più seriamente, sentivo che al mondo del marketing mancava una voce indipendente e divertente, un qualcuno che in Italia dicesse finalmente che il re era nudo, e che le cose stavano cambiando più di quanto i comunicati stampa aziendali, riproposti dai siti di marketing, stessero facendo. Poi c'era un movimento, che partiva dagli USA (ho sempre letto più i blog americani che quelli italiani), che meritava di essere ripreso e rilanciato, che parlava di marketing con le persone, per le persone, dalle persone, che poi è diventato un po' il mantra del mio blog.

Come ti ha aiutato nel mondo del lavoro?

Oddio, per un po' non mi ha aiutato affatto, anzi. Ho dovuto tenere nascosto a tutti in azienda che quello di minimarketing ero io. Il mio era un blog anonimo almeno fino al 2007. on avrebbero capito e non ne sarebbero stati contenti. Poi avevo un ruolo ufficiale, ed era troppo divertente scrivere senza avere problemi di pestare piedi a nessuno, agenzie comprese. È stato un periodo divertentissimo.

Naturalmente quando nel 2009 mi sono licenziato per fare il freelance, tutto è cambiato (anche un po' prima, a dire il vero). Il blog è stato il social object che mi ha aperto tante porte e tante conoscenze di persone interessanti e appassionate al tema. Da lì in poi, che dire, il blog è stato sempre un asset -- l'unico mio investimento "promozionale" 😊

Quale significato ha oggi avere un blog? Non sono sufficienti i social network?

Sì e no. I social media sono un po' il sistema nervoso, conducono in fretta, fanno conoscere, facilitano le conversazioni. Ma i blog, per quanto mi riguarda, o i progetti personali in generale (possono essere anche un canale Youtube o una newsletter dedicata) creano la reputazione che si consolida. I social media sono la derivata, il blog l'integrale, direbbero quelli che ne sanno di matematica.

Un blog che consiglieresti di seguire?

Ahimè, molti dei blog che avevo nella cartella Top dei feed non scrivono quasi più, è un peccato. Consiglio "Most", http://biljaic.com/ il blog di Biljana Prijic, che scrive molto bene.