Volunia e le galline liberate

Per chi è passato negli anni da Altavista, a Lycos, a Yahoo! e infine a Google, cercare qualcosa sul Web è diventata un'esperienza simile, migliorata nel tempo, ma pur sempre univoca.

Ma i risultati che ci vengono restituiti sono ciò che veramente stiamo cercando, o sono risultati che qualcun'altro ci vuol far vedere?

Probabilmente Volunia è partito da questo presupposto, cercando di stabilire un approccio differente all'esperienza di ricerca di informazioni durante la sessione di navigazione. Purtroppo però il paragone con Google, quando si parla di novità nell'ambito della web search, è inevitabile.

L'evento di oggi ne è stato un esempio, c'erano aspettative e hype d'altri tempi sul social web italiano, vuoi perché tutti guardano con un certo interesse l'innovazione in questo settore, vuoi perché questa innovazione partisse proprio dall'Italia.

Tuttavia lanciare un prodotto alla luce del sole, sotto i riflettori della stampa, ma soprattutto dei social network, può essere davvero massacrante. Cuil ne è un esempio. E ancora più distruttivo forse è la decisione di tenere ancora chiuso l'accesso a Volunia dopo averlo presentato pubblicamente, di fatto alimentando le voci di chi, senza nemmeno averlo provato, si aspettava una rivoluzione semantica.  

Io auguro a Volunia e Marchiori tutto il bene possibile aspettando i frutti di duro lavoro. Oggi mi sono divertito a seguire l'evento in diretta così come i commenti online. Marchiori è un matematico, non un commerciale e probabilmente poco adatto a comunicare al meglio il proprio prodotto in modo da creare la giusta aspettativa. Anzi ponendo subito le carte in tavola e dichiarando di non aspettarsi chissà che.

Non mi pronuncio sul prodotto non avendo ancora avuto modo di provarlo, credo però che proprio perché focalizzato ad un modo diverso di concepire l'esperienza di navigazione sul Web, si sarebbe dovuto optare su una fase di lancio meno tradizionalista e dal sapore tanto italico di fare le cose, ma piuttosto provare la stessa via percorsa dagli strumenti del web più utilizzati oggi. Fase beta, accessi su invito, supporto e feedback da parte degli utenti, affinare e il liberi tutti alla fase del go live.

Probabilmente è servito anche questo, visto che Volunia è trending topic su Twitter da questo pomeriggio e inizia a diffondersi un po' di vociare anche all'estero.

Insomma, purché se ne parli. Buona fortuna.