Ikea. Basta poco per cambiare...idea

Transient

L'eleganza online non è un'opzione, ma una necessità per mantenere un certo standing nelle mosse e nelle decisioni da prendere. Ikea Italia lancia qualche giorno fa "Il Manifesto del Cambiamento" un semplice meccanismo per permettere agli acquirenti e agli utenti di manifestare le opinioni sul brand e su i suoi prodotti.

Transient

Ikea Italia però sta attraversando un periodo di protesta su Piacenza con qualche licenziamento annunciato pare.

La protesta ha montato online e il Manifesto è diventato la bacheca di proteste di molti dipendenti delusi e tante persone che probabilmente con i problemi di gestione di risorse non c'azzeccava nulla.

Il trolling non si cancella nascondendosi dietro una pagina bianca. Il trolling così come le proteste dei propri dipendenti si gestiscono, prima offline, poi online, ma sempre con eleganza e trasparenza perché nessuna azienda è perfetta e non si può piacere a tutti. Bisogna saper incassare per migliorarsi, nascondersi apre solo ad ulteriori dubbi e anche se si è nella ragione si alimentano focolai inutili.

Se volete leggerne di più c'è una buona sintesi su TechEconomy.

La discussione prosegue anche sulla pagina Facebook di Ikea Italia.

Ah, per dovere di cronaca il sito è stato veramente oggetto di attacchi, come segnala pierotaglia nei commenti qui sotto. 

Social MediaAndrea Contino