4sqconf raddoppia

Il futuro di Foursquare. Alla seconda 4sqconf.

Questo il fil rouge della giornata di ieri. Se l'anno scorso questa piattaforma ancora poco conosciuta se la doveva ancora giocare con GoWalla, quest'anno alla Seconda Conferenza dei Sindaci di Foursquare abbiamo cercato di capire se c'è davvero spazio per crescere e fare diventare il servizio di geolocalizzazione una piattaforma matura, capace sia di apportare un vero valore alle persone che la utilizzano sia un sostenibile piano di business per i manager che la controllano.

Pur senza Dennis e Paolo Cevoli che deliziarono l'edizione passata, siamo partiti con uno spaccato su quanto accaduto quest'anno a livello italiano: 

Due dibattiti all'inizio e alla fine del pomeriggio moderati da vincos, gluca - con qualche piccola piacevole intrusione di Stefigno (oramai puoi darti alla tv senza problemi amico mio) - hanno posto l'accento sul bivio nel quale si trova in questo momento Foursquare.

Decidere se farsi grande e mettere al servizio degli utenti quella parte giocosa che tanto piace, oppure restare così come è ora e cadere nell'oblio una volta che Google o Facebook avranno dato una decisa accelerata in questo campo.

Come fare?

Ad esempio rilasciando punti o badge diversi e maggiori per chi decide di lasciare e condividere informazioni utili, i Tip, oltre al mero check-in. La sola attenzione alla pointification come avviene attualmente non sta portando a nulla, se non ad una grande piattaforma di tracking delle venue e qualche buono sconto successivo a una mayorship da parte delle aziende.

Come ha suggerito Vincenzo, se facciamo un paragone, 10 milioni in due anni sono un po' pochini se equiparati ai quasi 20 di Google+ in poco più di due settimane.

Un'ulteriore pista da seguire è quella turistica, creando delle vere e proprie guide all'interno delle descrizioni e tip delle venue che diano informazioni sui posti che si stanno visitando mentre si fa check-in.

Quello che però è risuonato forte e chiaro è che tutte queste proposte stiano provenendo da community di appassionati come la nostra e non da Foursquare stessa. Quasi come se il destino di cambiare e far maturare questa piattaforma sia lasciato agli utenti stessi.

4sqconf.JPG
4sqconf.JPG
4sqconference.JPG
4sqconference.JPG
foursquareconf.JPG
foursquareconf.JPG

Nel mezzo le sessioni di Francesca, Emilio, Fabio che si sono focalizzati sullo status di Foursquare e la sua convivenza con gli altri strumenti da Google a Facebook, passando per i vari mash-up con videogiochi e vari approcci alla gamification.

Siamo stati deliziati da Pringles Italia e da centinaia di tubetti di patatine. Fortunatamente non con una marchetta, ma con l'intervento del simpatico Stefano Chiarazzo e le intenzioni del marchio di operare su Foursquare con una forte attività di brand awareness attraverso il supporto degli utenti per la geolocalizzazione delle migliori location vacanziere della Penisola.

Un piacevole sabato bolognese. Come al solito un grazie a Tommaso, Francesca e Roberto per aver messo in piedi il tutto, per i ricchi buffet e per gli omaggi sempre graditissimi e un grande piacere aver visto e rivisto: Luca, SuonatoreJones, Cristina, Domitilla, Maurizio, Luca, Marco, Milo, pm-10

Qui le immagini di tutti, qui le mie.

Al prossimo anno. Nella speranza di ritrovarci con uno strumento in grado di superare lo status di "gioco" e capace di supportare sia business che utilità.