Agenda Digitale – Una strategia digitale per l’Italia

L’arretratezza tecnologica, il digital divide, e lo scarso sviluppo della Banda Larga sono fatti arcinoti a chi è attento a questi aspetti in Italia.

Da un’idea di Marco Zamperini e Stefano Quintarelli nasce Agenda Digitale. Un’associazione costituita con un solo obiettivo in seno. Dare al Paese una strategia digitale chiara e precisa. Ora, come ogni iniziativa che coinvolge poteri forti e nomi altisonanti, c’è chi aderisce perché pare a questo punto l’unica strada percorribile, e c’è chi ci vede solo un gioco di convenienze.

Personalmente credo che da qualche parte si debba pur incominciare, e se non vengono coinvolte proprio le TelCo che il mezzo principale per la diffusione lo detengono, non si va molto lontano. Certo, la curiosità ora è tanta per vedere a quali risultati porterà tutto ciò. Ma chi ben comincia è già a metà dell’opera, così si dice…

Di seguito il manifesto di Agenda Digitale.

Per i giovani che si costruiscono una prospettiva, per le piccole imprese che devono competere nel mondo, per i cittadini che cercano una migliore qualità della vita, l’opportunità offerta dalla tecnologia è irrinunciabile.

Il XIX secolo è stato caratterizzato dalle macchine a vapore, il XX secolo dall’elettricità. Il XXI secolo è il secolo digitale.

La politica ha posto la strategia digitale al centro del dibattito in tutte le principali economie del mondo. Ma non in Italia.

Eppure in Italia metà della popolazione usa Internet. La tecnologia è parte integrante della vita quotidiana di milioni di cittadini. Studenti, lavoratori, professionisti e imprenditori si confrontano costantemente con i rischi e le opportunità determinate dall’innovazione tecnologica.

Siamo convinti che affrontare con incisività questo ritardo, eliminare i digital divide, sviluppare la cultura digitale con l’obiettivo di conquistare la leadership nello sviluppo ed applicazione delle potenzialità di Internet e delle tecnologie, costituisca la principale opportunità di sviluppo, con benefici economici e sociali per l’intero Paese.

Ci rivolgiamo a tutte le forze politiche, nessuna esclusa, sollecitando il loro impegno a porre concretamente questo tema al centro del dibattito politico nazionale.

Chiediamo, entro 100 giorni, la redazione di proposte organiche per un’Agenda Digitale per l’Italia coinvolgendo le rappresentanze economiche e sociali, i consumatori, le università e coloro che, in questo Paese, operano in prima linea su questo tema.

Richiamiamo l’attenzione di tutte le forze politiche, gli imprenditori, i lavoratori, i ricercatori, i cittadini, perchè non vedano in queste parole la missione di una sola parte, ma di tutto il Paese.