Communication under attack

L’aspetto più interessante della follia delle due ore di ieri, durante le quali Twitter ha subito un attacco a causa di alcuni tweet con cross-site scripting (La storia completa qui), è che per diffondere sia la notizia, così sul come evitare di incappare nel bug è stato utilizzato proprio Twitter, correndo il rischio di generare un bell’effetto a catena con persone che per risolvere il problema inevitabilmente sarebbero finite sotto attacco.

Diciamo pure che le tempistiche del fix non sono più da azienda in fase “Beta”.

Immagine