Non perdiamoci di vista

Lo scrivere, sopratutto in un blog, dovrebbe a volte prendere le distanze dal solo auto compiacersi. Ho visto tanti aprire un proprio spazio online costruirsi un muro davanti... tanto posso scrivere quello che mi pare scrivo perchè scrivo per me stesso.
Niente di più falso, il mondo ci osserva, siamo davanti agli occhi di tutti, probabilmente alcune sono le stesse persone che incroci per strada ogni mattina.
Stasera, dopo anni (non so nemmeno perchè poi ne sian passati così tanti) sono uscito con alcuni amici del liceo. Quelli più stretti ai quali sono stato più legato. Una tra di loro mi ha detto...ma sai che ti leggo e non scrivi per niente male...
Non dico di essermi stupito, ma mi ha fatto riflettere. Ti fa capire che probabilmente, se non pensi di diventare milionario, poco importa se siano 10 o 10 milioni le persone che leggono ciò che la tua folle mente ha voglia di condividere, l'importante è che siano persone che contano, per te e per nessun altro.
Pensare a ciò prima di inziare qualsiasi post renderebbe la blogosfera un posto migliore, ma tant'è, si sà, l'ego del blogger è difficile da chetare. Sarà uno dei pochi propositi del 2010.
ps. E' il primo post che scrivo su Ommwriter, è una delle poche applicazioni che vorrei su un PC.