Verso casa, non mi vogliono far tornare.

Sono in attesa dei vari upload tra video e foto reduci dal VeneziaCamp 2009 e ripenso a quanto accaduto al ritorno oggi pomeriggio. Freccia Rossa di Trenitalia semplicemente perfetto. Puntualissimo arrivo 20.25 in Centrale.

Abito in provincia di Milano, per fortuna un paese servito dalla metropolitana linea 2 facente parte del ramo Vimodrone – Gessate. Da quando sono nato sono stato testimone dell’incomprensibile scelta di ATM di creare un treno non solo per la direzione Cologno e Gessate, ma anche uno che terminasse la sua corsa anche a Cascina Gobba.

Ditemi voi l’utilità, visto che gli altri due si fermano comunque lì e sicuramente c’è più gente residente in 11 comuni rispetto un quartiere di Milano.

Ma torniamo a questa sera. Era da tanto che non prendevo la metropolitanta, l’utilizzo intensivo degli anni universitari era sempre stato accompagnato da un abbonamento e mai dall’acquisto di un biglietto.

Scendo le scale mobili e mi accingo ad acquistarne uno dalle macchine automatiche. E’ domenica sera e c’è molta coda intorno ad esse, non perchè ci sia più gente del solito, ma perchè metà di queste sono fuori servizio.

Arriva il mio turno. Abitando come dicevo in provincia, seleziono un biglietto interurbano zona 1, non capendo bene che differenza ci sia con le altre. Non ci penso tanto, ritiro il biglietto e lascio posto a chi dietro di me stava per eseguire la mia medesima operazione. Cerco di entrare, ma il tornello mi rifiuta il biglietto dicendo che non va bene.

Mi rimetto in coda alla macchinetta, acquisto un biglietto interurbano zona 1/2, mi sposto nuovamente al tornello. Niente da fare non si entra. Nel frattempo erano già le 21.00. Chiedo al controllore al gabbiotto, mi dice che ho sbagliato a selezionare, tra le decine e decine di selezioni avrei dovuto scegliere zona 1/2/3, ma testuali parole “Quelle cavolo di macchinette non ci capisce niente nessuno”.

E ci credo, perchè per comprare un normale biglietto per Milano centro esiste una voce sola, per andare fuori ne ho contate almeno 10.

Ma arriviamo al peggio. 21.01

Scendo alla banchina, sperando che il treno direzione Gessate arrivi in pochi minuti. Ma i primi 4 treni portano tutti a Cascina Gobba a distanza di 7 minuti l’uno dall’altro. Mi avvicino alla tabella degli orari e scopro di aver mancato  il mio treno per 8 minuti. Prossimo treno per Gessate della domenica sera: 28 minuti dopo.

Ora, io capisco che la domenica sera non è minimamente paragonabile alla folla del lunedì mattina, che sarebbe probabilmente uno spreco di risorse, ma trovo inaccettabile che non venga garantita una corsa con maggiore frequenza, dato anche il piccolo problema di fine corsa accennato all’inizio.

Ho pensato subito a Venezia, che sì il biglietto costa 6.50€, ma non sono passati più di 6 minuti dal passaggio tra un vaporetto e un altro. E poi io mi lamento dell’accessibilità alla Rete. Morale ho chiesto ai miei genitori uno strappo da Cascina Gobba arrivando finalmente a casa alle 22.00. Inconcepibile se penso che disto 40 min di metro dalla Centrale.

La metropolitana di Milano ha tanto da rivedere nel prossimo futuro, purtroppo per noi non c’è alternativa, ma sarà sempre più indispensabile causa traffico e mi auguro possa sapersi reinventare per stare al passo coi tempi.