Posts in Life
La struttura del Lavoro per come lo conosciamo deve cambiare?

Interessante lecture sulla natura del lavoro e come la sua natura binaria debba necessariamente cambiare.

In this powerful talk, Bridget Loudon explains why the binary nature of jobs and the current way we are working is not fit for purpose in modern times.

She argues that some of our best and brightest minds are being systematically excluded from the workforce because they no longer wish to work in such a structured, hierarchical way. Bridget suggests the path forward is more flexible, project-based ways of working, where talented people can stay engaged in work that is right for them and businesses can engage the right talent, at the right time to get critical work done faster.

Bridget believes we have a unique opportunity in history to make some changes to the way we work which will set us up for a more prosperous and inclusive future.

LifeAndrea Contino
Sii la tua misura di valutazione

And to measure yourself against no one but yourself. Raise your standards as often as you can, but not because someone else you chose out of the lineup of success is somehow ahead of you.

È un approccio che ho sempre adottato nella mia vita, ma specialmente nella mia carriera. Ho evitato a me stesso tanti fegati amari, invidie, rabbie. La vera competizione è con se stessi, guardarsi alle spalle e dire cosa potrei fare di più? Cosa avrei potuto fare meglio? In cosa posso migliorarmi ancora?

LifeAndrea Contino
Un giorno alla volta

Taking it day by day means reducing the degree of control we expect to be able to bring to bear on the uncertain future. It means recognising that we have no serious capacity to exercise our will on a span of years and should not therefore disdain a chance to secure or one or two minor wins in the hours ahead of us.

We should – from a new perspective – count ourselves immensely grateful if, by nightfall, there have been no further arguments and no more seizures, if the rain has let off and we have found one or two interesting pages to read.

As life as a whole grows more complicated, we can remember to unclench and smile a little along the way, rather than jealously husbanding our reserves of joy for a finale somewhere in the nebulous distance.

Given the scale of what we are up against, knowing that perfection may never occur, and that far worse may be coming our way, we can stoop to accept with fresh gratitude a few of the minor gifts that are already within our grasp.

LifeAndrea Contino
I posti più violenti del pianeta

Così, per un lunedì mattina energetico.

We would bet that some of you are world travelers, seeking adventure and exploring new parts of the world, but would you be brave enough to visit some of the most dangerous places in the world? In today's educational video we countdown the top 10 most dangerous places in the world.

LifeAndrea Contino
Non c'è bisogno di essere eccezionali

Many of us walk the earth with a feeling that, in order to acceptable, we need to be something very special indeed. It could sound like ambition, but it's closer to neurosis - and a source of constant and unnecessary pain. Here are some tips to unwind the affliction.

“It’s a rather simple question that quickly gets to the core of someone’s sense of well-being and legitimacy: did your childhood leave you feeling that you were – on balance – OK as you were? Or did you somewhere along the way derive an impression that you needed to be extraordinary in order to deserve a place on the earth? And, to raise an associated question: are you therefore now relaxed about your status in life? Or have you become either a manic overachiever or filled with shame at your so-called mediocrity?”

LifeAndrea Contino
Per i complottisti all'ascolto

Ciao.

Quindi, verifichiamo quello che possiamo verificare ma, per carità, non cadiamo nel complottismo per partito preso. Se poi volete continuare a credere, per esempio, che la terra è piatta, che gli allunaggi non sono mai avvenuti, o che il cambiamento climatico è il risultato di un complotto di migliaia scienziati che si sono messi d’accordo per inventarsi tutto, beh, come dicevo, rendersi ridicoli è un diritto che non si dovrebbe negare a nessuno.

LifeAndrea Contino
Bighellonare

Questo ultimo venerdì prima dell’operazione al menisco mi ha fatto particolarmente concentrare sul lavoro, tanto che il tema di oggi è l’importanza di cazzeggiare per poi essere più produttivi.

Ovvero, come non riuscissi un tema su cui valesse la pena scrivere e quindi mi rifugio sui video del TED per sembrare meno stupido.

What is the best use of the limited time you have? How do you measure the successful use of this time? Is it what you accomplished, how much work you got done? What are some other lenses we can use to measure the successful use of time? International voice over talent in the entertainment industry

LifeAndrea Contino
Fai bene ad incazzarti

Anger researcher Ryan Martin draws from a career studying what makes people mad to explain some of the cognitive processes behind anger -- and why a healthy dose of it can actually be useful. "Your anger exists in you ... because it offered your ancestors, both human and nonhuman, an evolutionary advantage," he says. "[It's] a powerful and healthy force in your life."


LifeAndrea Contino
La matematica nascosta dietro La Notte Stellata

Il fisico Werner Heisenberg disse: "Quando incontrerò Dio, gli farò due domande: il perché della relatività e il perché della turbolenza. Mi risponderà di sicuro alla prima." Per quanto la turbolenza sia difficile da comprendere dal punto di vista matematico, possiamo usare l'arte per rappresentarla. Natalya St. Clair ci mostra come Van Gogh abbia catturato questo profondo mistero dei movimenti, dei fluidi e della luce nelle sue opere.

LifeAndrea Contino
Conversazioni e patatine

Insieme le due cose vanno a nozze. Ci vanno anche nella newsletter di Gianvito. Pur non essendo io un designer, mi sono iscritto perché ci sono dentro sempre tanti spunti interessanti.

Nel numero consegnato fresco fresco questa mattina ci ho trovato questo video su come sostenere una buona conversazione:

Mentre in un secondo link si nasconde la risposta a uno dei grandi misteri dell’universo. Perché i sacchetti delle patatine sono sempre mezzi vuoti?

Il cosiddetto “slack fill” o riempimento vuoto è in realtà a favore del consumatore, non contro, perché gli permette di consumare patatine ancora croccanti e sopratutto intere. Stando a quanto riporta Mashed, lo slack fill evita che durante tutti gli spostamenti lungo la filiera, dal confezionamento fino allo stoccaggio, il trasporto e finalmente l’amato supermercato sotto casa, le patatine si riducano in mere bricioline da mangiare col cucchiaio come i cornflakes. Insomma, è un bene che ci sia, altrimenti non te le godresti affatto.

Insomma un bell’inizio per un mercoledì liscio come l’olio delle patatine e magari consumate mentre si discute del sacchetto mezzo vuoto o mezzo pieno.

LifeAndrea Contino