Posts in Blogosphere
Un blog ti cambia la vita parte 2

Bella intervista a Khoi Vinh, Adobe Principal Designer, che da 20 anni sul suo blog racconta se stesso e il suo mondo: Subtraction.com

Ci sono alcuni passaggi fondamentali, in cui mi sono rispecchiato totalmente. Sia dal punto di vista della carriera:

It’s hard to overstate how important my blog has been, but if I were to try to distill it down into one word, it would be: “amplifier.” Writing in general and the blog in particular has amplified everything that I’ve done in my career, effectively broadcasting my career in ways that just wouldn’t have happened otherwise.

Sia dell’indipendenza, non importa a che prezzo, da tutte le altre piattaforme del momento.

That said, I personally can’t imagine handing over all of my labor to a centralized platform where it’s chopped up and shuffled together with content from countless other sources, only to be exploited at the current whims of the platform owners’ volatile business models. I know a lot of creators are successful in that context, but I also see a lot of stuff that gets rendered essentially indistinguishable from everything else, lost in the blizzard of “content.”

E ancora:

Again, I’m not suggesting that what I do has any superior worth at all, but what I will say is that the difference between content that lives on a centralized blogging platform and what I do on a site that I own and operate myself—where I don’t answer to anyone else but me—is that what my writing on Subtraction.com has a high tolerance for ambiguity. It’s generally about design and technology, but sometimes it’s about some random subject matter, some non sequitur, some personal passion. It’s a place for writing and thinking, and ambiguity is okay there, even an essential part of it. That’s actually increasingly rare in our digital world now, and I personally value that a lot.

Da leggere tutta!

Push The Red Button

Help make the web a better place.

How?

Blogging.

I've recently seen some tweets expressing the pressure some people feel — understandably — of publishing their thoughts on a blog, fearing what others might say, wondering if it's good enough to be published on this wonderful thing called the web. I would say treat the web like that big red button of the original Flip camera. Just push it, write something and then publish it. It may not be perfect, but nothing ever is anyway. I write all sorts of crap on my blog — some of it really niche like snippets for Vim. Yet it's out there just in case someone finds it useful at some point — not least me when I forget how I've done something.

Right now there's a real renaissance of people getting back to blogging on their own sites again. If you've been putting it off, think about the beauty and simplicity of that red button, press it, and try and help make the web the place it was always meant to be.

Irrisolto

Il giorno di Pasqua lo abbiamo dedicato a far prendere forme strane al divano. Netflix è stato un buon intrattenitore e nell’esplorazione dei suoi pressoché sconfinati limiti, ci siamo imbattuti ne Lo Spietato con Scamarcio.

In una battuta del film lei dice a lui:

È la prima volta che esco con uno così, un irrisolto.

Io mi sento così con il mio blog. Mi sento di non aver mai completato l’opera, di non essere mai soddisfatto da quello che vedo. Non sono un preciso per natura. Tranne su alcune cose, la grafica, gli oggetti nuovi, la scaramanzia.

Ieri non mi piaceva più. Come si fruiva da mobile, il font con “le grazie”. Ho per ora dato un’impronta forse un po’ troppo retrò. Tuttavia credo si guadagni in godibilità in lettura.

Irrisolto. Ancora per quanto?

#WhyIBlog Intervista a Kari Geltemeyer

Ho deciso di riprendere a intervistare curatori di blog, quando ne trovo di interessanti, continuando ad alimentare Why I Blog a tempo perso.

Oggi ho il piacere di ospitare una blogger americana di cui ho già parlato ad inizio anno: https://karigee.com

Scrive molto bene e ha uno stile tutto suo nel raccontarsi. Ci tenevo particolarmente ad averla tra la mia piccola “collezione” perché mi ispiro molto al suo stile e al suo pensiero circa la blogosfera vs social network e come esercizio personale in cui non ci sono regole o aspettative. C’è solo la sua vita e il piacere di raccontarla.

Le ho posto quindi le tre fatidiche domande:

Why do you blog?

I started blogging 15 years ago when I left a longtime job and wanted a way to stay in touch with the friends I used to see every day. I wanted them to be able to relate to what I was doing during the day (nobody requested this, I just came up with it on my own and assumed they would care ;-). Social media sites weren’t around, so it was what I had. And it has always been a small-scale thing; I never had big blogging dreams. Now I keep doing it because I love to write, and I process my own thoughts by typing them out, so I use it mostly as a journal and a scrapbook. 

Kari Gee

I also keep blogging because social media has been so disappointing. Twitter and Facebook and Instagram don’t facilitate communication, they just give everybody a megaphone attached to a fire hose so can they scream at each other and sell stuff. I find them really cold and impersonal, and I think they encourage and reward all the wrong behavior.

Blogs feel less manufactured, and less lazy. One way or another people have to seek them out, so they’re a conscious choice. And most people don’t bother seeking them out these days, which is fine too. I don’t need to reach everybody. If you’re interested in what I’m posting, that’s great and I thank you and I hope you get something out of it.

What kind of “fuel” keeps your blog constantly running?

Nothing, really, I just talk about whatever is going on in my life. I don’t have anything to promote, and I don’t have a big overarching theme; it’s not a career blog or a tech blog or a recipe blog, it’s a diary, and it’s pretty personal.

But the thing I like best about blogging is that it can be “useless.” There are no rules or expectations about what it has to be - I can post whatever I want, because it’s mine, and I don’t have any responsibility to provide people with a certain kind of content. It’s just whatever I’m thinking about on any given day.

Which future is waiting the blogosphere in your opinion?

I don’t know. I don’t expect there’s a big second wave or blogging renaissance around the corner, and maybe that's okay. Most people seem to prefer the instant responses of social media and want that reinforcement, the faves and likes.

But I have a real soft spot for the bloggers who stick around, and a lot of favorites that I check every day. I think of the blogosphere now as a small neighborhood, and it’s populated by people who still want to just hold out a hand and say, come in and sit with me for a while. I just find personal blogs inherently interesting, and I appreciate the effort and the care that people put into them; they’re like an endless supply of short stories.

Ti stravolge la vita

Un blog, ti stravolge la vita. La mia, ma anche quella di Galatea:

Il mio blog, questa cosa che ho aperto con somma incoscienza oramai più di dodici anni fa. Non avevo nessun piano, nessuna aspettativa. Mi annoiavo ed ero piena di curiosità per questo oggetto misterioso che consentiva non tanto di scrivere (quello lo avevo sempre fatto da quando andavo alle elementari, in continuazione) ma di farsi leggere da sconosciuti e sentire cosa ne pensassero loro di quello che scrivevo.

Non c’erano i social, quando ho cominciato. Che a dirlo ora sembra di parlare di un’epoca remota e lontana come quella del telegrafo senza fini. C’era solo una pagina bianca e virtuale e attorno un misterioso mare di utenti che giravano per la rete a caso, si fermavano. Ti leggevano, lasciavano un commento, a volte uno sberleffo.

Mi ha stravolto la vita, il blog. Immaginatevi una ragazza (allora lo ero ancora) che abita in un paesino di campagna, ai margini del tutto, e insegna a scuola, che d’improvviso viene catapultata in blogfest, convegni, cooptata in gruppi di giornalisti, partecipa a festival, comincia scrivere libri. Si ritrova persino di fronte ad una telecamera, a girare un documentario in cui può parlare delle sue grandi passioni, di storia, di Medioevo, di barbari.
Per me il blog è stato la lampada di Aladino, il mio personale genio. Di tanto in tanto sembro tradirlo, travolta dal fascino di altri account, dei social, di Facebook, di YouTube, ma poi è qui l’unico posto dove mi sento a casa.

Ok. Oggi ci sono i social e la gente diventa famosa su Instagram. Ma il sangue che abbiamo sputato qui, beh gli instagrammer se lo sognano. Seguite la serie del venerdì del Many, ci sono ogni settimana una serie di blog nati, ri-nati o mai morti degni di essere seguiti.

BlogosphereAndrea Contino
Come un'esalazione

But the other point I want to make is that getting heard outside the world of blogs occasionally requires that you have something to say. And one of the most delicious things about the profoundly parasitical world of blogs is that you don’t have to have anything much to say. Or you just have to have a little tiny thing to say. You just might want to say hello. I’m here. And by the way. On the other hand. Nevertheless. Did you see this? Whatever.

A blog is sort of like an exhale. What you hope is that whatever you’re saying is true for about as long as you’re saying it. Even if it’s not much.

Ho trovato questo paragrafo in un post del 2006, attraverso un altro blog. Da cui copio a piene mani quest’altra frase:

Questo è il mio piccolo angolo di internet in cui posso riversare i miei pensieri senza temere che vengano spazzati via dalla marea dei social media. Ho esalato qui per dieci anni, e anche se la maggior parte di andrea.co è irrilevante, resta il mio personalissimo irrilevante.

BlogosphereAndrea Contino
Una volta al giorno

Non è obbligatorio farlo.

Ho pensato più e più volte di non riuscirci durante questo mese, ma sta diventando un piccolo piacere quotidiano.

Raccontare, raccontarsi. Riordinare i pensieri e cercare di dargli forma comprensibile.

Stamattina in doccia ci pensavo. Nel gennaio degli anni passati, quanti post riuscivo a scrivere in un mese?

E mi sono accorto che mai sono riuscito ad essere costante, mentre ci sono stati altri mesi molto più prolifici.

Scrivere qualcosa implica, almeno per me, nella stragrande maggioranza dei casi ricercare, verificare, elaborare, produrre. È un processo naturale di cui non posso più fare a meno.

Vedremo come butta in Febbraio.

BlogosphereAndrea Contino
(Social) Media Panic

Il mio voler diminuire il tempo speso sui social network non è da confondere con una personale e accesa battaglia contro di essi. Anzi.

A me piace osservarne le mutazioni, il cambiamento di rilevanza e influenza nei confronti di tutto ciò che sta al di fuori di uno schermo.

Così è stato per la 10yearschallenge. Il meme diventato virale un po’ su tutte le piattaforme social, ha portato alcuni giornalisti a pensare come quest’ultime abbiano proattivamente spinto la cosa per poter carpire dati dalla mappatura delle immagini caricate.

Senza forse tenere conto di quante altre nostre foto questi luoghi posseggono già e se avessero voluto potenziare il loro algoritmo lo avrebbero potuto fare semplicemente sfogliando tutti i nostri album di foto caricati dall’iscrizione ad oggi (come immagino abbiano fatto).

Pertanto l’allarmismo creato attorno alla faccenda non solo è inutile e irrilevante, ma demonizza sulla base di nessuna prova. Solo per il gusto di sparare a zero.

Ho letto con soddisfazione il punto di vista di Jeff Jarvis sulla questione, il non dover gettare fango a tutti i costi rischia di diventare controproducente:

At this moment, we are arguing about that impact of the net on our daily lives. Some have said to me that this fuss about the #10YearChallenge meme is helpful because people are talking about the issues at hand.
I have one response: Let that debate be based on facts and evidence, not on baseless provocations and what-if worries, which fuel a moral panic that comes to blame all our troubles on technology and assume malign motive for every action the technologists take. Journalists do not have license to relax their standards of fact and evidence and should be informing the debate, not fueling the panic

È apparentemente scollegato da tutto questo discorso, ma il post di Tim Carmody su Kottke.org tocca un punto molto interessante. Ok i blog e il loro rampante ritorno, ma senza Facebook o Twitter la carriera di alcuni della mia generazione non sarebbe stata la stessa. Le opportunità e le conoscenze, come anche per me, sono sì partite dal blog ma si sono poi ampliate notevolmente con l’avvento di altre piattaforme. Non c’è dubbio alcuno.

And guess what? So have Twitter and Facebook. Just by enduring, those places have become places for lasting connections and friendships and career opportunities, in a way the blogosphere never was, at least for me. (Maybe this is partly a function of timing, but look: I was there.) And this means that, despite their toxicity, despite their shortcomings, despite all the promises that have gone unfulfilled, Twitter and Facebook have continued to matter in a way that blogs don’t.

C’è poi questa domanda costante e impellente che aleggia sulle tastiere di tutti coloro abbiano mai deciso di aprire un blog:

Maybe we need to ask ourselves, what was it that we wanted from the blogosphere in the first place? Was it a career? Was it just a place to write and be read by somebody, anybody? Was it a community? Maybe it began as one thing and turned into another. That’s OK! But I don’t think we can treat the blogosphere as a settled thing, when it was in fact never settled at all. Just as social media remains unsettled. Its fate has not been written yet. We’re the ones who’ll have to write it.

Il più delle volte si risponde di star scrivendo per se stessi. E per la stragrande maggioranza così sarà sempre. Ma probabilmente lo scopo comune è quello di estendere se stesso in un luogo altro, apparentemente eterno, lasciarci dentro una traccia e vedere come va a finire.

Leggersi con calma

Credete nei segni?

Parlo dei campanelli d’allarme, quelli che col senno di poi dici a te stesso: sarebbe dovuta andare così fin dal principio.

Due giorni fa parlavo di come i template del blog non mi soddisfacesse più, a un anno esatto di distanza. Ed ecco il segno.

Mentre ero intento a scartabellare nei codici di backend un salvataggio sbagliato e tutto il template torna alle impostazioni di default: una schifezza.

Allora, palla al balzo e di buona lena ne ho installato uno nuovo e fatto pulizia. Ricominciando più o meno daccapo. Come sempre.

  • Non compaiono più le icone delle mie presenze social. Il traffico devo portarlo in entrata, mica in uscita. E poi se ci tenete tanto a trovarmi altrove, cercatemi direttamente lì
  • Idem il logo. Lo trovate in fondo, in chiusura, giusto una chicca
  • Per navigare nelle altre pagine ho lasciato solo degli emoji. A tanti danno fastidio, ma rubano poco spazio ed esprimono già tutto il loro significato da soli

Non credo di aver terminato con le modifiche, ma almeno quelle generali sono a posto. In generale spero di aver dato quel tocco minimal a cui anelavo.

In due giorni di letture forzate però è successo molto. Qualcosa di strano ed eccitantissimo come dice Marco. Quel grande ritorno dei blog come scrive Bat e anche Luca forse sta succedendo per davvero.

E non so se sia davvero la New Wave Italiana, oppure:

forse c’è solo di nuovo la banale bellezza del leggersi con calma, e del lasciarsi scrivere con calma.

C’è però quest’aria frizzantina che non si sentiva da un po’. Sarà la magia della comunicazione asincrona o della JOMO a farsi sempre più strada, tant’è ultimamente sembra di essere sempre più nel 2004 invece del 2019.

Il che è una bella cosa, per due motivi:

  1. Chi ha qualcosa di interessante da dire non ha mai smesso di farlo
  2. Chi non l’avesse ancora fatto sa dell’esistenza di un mondo al di fuori dei social

A tal proposito. Nell’ultimo post parlavo di fotografia e progetti.

Arriva contz.com

Qualche giorno prima di Natale ho comprato contz.com. Il dominio è tornato senza proprietario non so dopo quanto tempo. Forse più di 10 anni, durante i quali ho fatto più volte il tentativo di acquistarlo.

La pazienza è servita. E cosa ci ho fatto?

Beh, un altro blog ovviamente. Un photo blog per l’esattezza. Ci sto caricando i miei scatti migliori. Per ora sono molto pochi, ma conto di arricchirlo con altri a breve.

E niente, non so. A volte internet sa essere un bel posto.

BlogosphereAndrea Contino
Molto personale

Sarà l’aria frizzante di questi giorni. Oppure è soltanto opera del subconscio. Sta di fatto che i primi giorni dell’anno sono per me sempre sinonimo di rinnovamento online. Molto spesso ho rinfrescato o cambiato completamente la grafica del blog, oppure dato vita a nuovi progetti online.

Anche quest’anno non è stato da meno.

Quest’anno voglio dedicare sempre meno tempo ai social network e molto più al mio spazio personale.

Non so se mi piace ancora la grafica attuale. A distanza di un anno e nonostante ci abbia sputato l'anima. Non so, vorrei trovare una strada più basica che dia maggior spazio al contenuto e a ciò che scrivo.

L’altra ripetitività dei primi giorni dell’anno coincide per me con il recuperare nuovi blog interessanti. Luoghi nascosti di vite agli antipodi dalla mia, ma intrisi della stessa passione per condividere, conoscere, raccontarsi.

Ieri ho scovato Kari Gee. Utilizza SquareSpace, ha un template fichissimo e ama condividere praticamente ogni aspetto della sua vita. Spulciando tra i post passati ho trovato questo, intitolato “It feels deeply personal”:

One unpopular opinion I hold is that everybody should have a blog, where they just check in a couple of times a week. They/you don’t need to have much of anything to say, just raise a hand and say hi.

Here’s what time I woke up this morning, here’s what I had for breakfast, here’s what I thought about when I brushed my teeth. Is it raining where you are? I’d like to know.

I’m not going to lie to you—many people wouldn’t care, probably most, but I would. I’m interested in the routine habits of others, and their observations on their moods or surroundings. I was very fond of these daily weather reviews of New York City that used to run in the Awl, for example. Somebody could do that. Or take a photo of their/your coffee cup every morning, I would like that, too.

It could be the exact same cup in the exact same location day after day, it wouldn’t matter. There would be glimpses of life happening around it, detritus caught in the frame or the quality or slant of the light shifting as the year went on, etc., little unspoken hints passing by. The mysteries inside of details. I would like that very much.

La sete di sapere. Approfondire. I dettagli sono importanti.

Un bello spunto per me, mi ha fatto riflettere. Quest’anno vorrei proprio concentrarmi su questo.

Scrivere come se non ci fosse nessuno a leggermi. Discutere di ciò che amo e di ciò che mi circonda.

Come dicevo qualche settimana fa sentivo forte il bisogno di avere un posto dove condividere i miei scatti fotografici, avulso da regole di terzi, dei like e della SEO.

Identità.

Ci sto lavorando su e non appena GoDaddy si deciderà a sbloccarmi il dominio farò un post dedicato per presentarlo.

BlogosphereAndrea Contino